Politica / Politica

Commenta Stampa

Pare che la tragedia sia nata da una lite per scacchi

Italiano uccide coinquilino e ne mangia il polmone


Italiano uccide coinquilino e ne mangia il polmone
15/01/2014, 18:25

DUBLINO- Saverio Bellante, un siciliano trentaquattrenne trasferitosi in Irlanda da due anni e mezzo per motivi di lavoro,  ha ucciso il suo coinquilino dopo una lite per una partita a scacchi. A seguito dell'omicidio si è accanito sul corpo della vittima divorandone un polmone.

Questo atroce delitto è stato già battezzato “il delitto degli scacchi”.  L'assassinato si chiama Tom O’Gorman, 39 anni di Dublino, un attivista cattolico che da quando gli era morta la mamma aveva deciso di affittare una stanza di quella casa divenuta troppo grande per un single.

E' stata anche ricostruita l'agghiacciante dinamica:  Bellante prima  ha colpito più volte l'amico con un coltello da cucina; poi gli ha fracassato la testa con una manubrio per fare pesi; infine lo ha squartato e gli ha asportato un polmone.
Dopo ha chiamato la polizia e ha confessato l’omicidio. Dicendo agli agenti di aver mangiato il cuore della sua vittima. Ma non è vero: all'appello manca un polmone.

Dopo la confessione il siciliano ha fatto sapere che si difenderà da solo durante il processo. È stato incriminato per omicidio, senza la possibilità di cauzione. Secondo il Sun gli investigatori pensano che questo sia "uno degli episodi di violenza più orribili nella storia irlandese".  Ai poliziotti giunti sul luogo del delitto è stata fornita assistenza psicologica, talmente era cruenta e impressionante la scena del crimine.

Commenta Stampa
di Flavia Stefanelli
Riproduzione riservata ©