Politica / Politica

Commenta Stampa

Durante consegna cittadinanza onoraria ai figli di stranieri

Ius soli,Kyenge contestata:“La risposta deve darla il Paese”


Ius soli,Kyenge contestata:“La risposta deve darla il Paese”
28/05/2013, 16:46

PESARO – Il  ministro dell'Integrazione, Cecile Kyenge, ha risposto alle domande dei giornalisti sulle contestazioni di Forza Nuova e della Lega Nord contro lo ius soli.  ''La risposta non la dovete aspettare da me. La dovete aspettare dal Paese, dai suoi 60 milioni di abitanti''. Così  il ministro dell'Integrazione a  Pesaro, dove e' arrivata per consegnare la cittadinanza onoraria ai figli di stranieri nati in Italia;  Kyenge e' stata anche accolta da molti applausi: ''Per me e' un segnale positivo'', ha commentato.  ''E' il segnale - ha continuato il ministro - che e' il Paese che deve rispondere. Quell'applauso per me dice molto. E' l'applauso dell'Italia migliore, che risponde a tutto quello cui io ho deciso di non rispondere''.  "L'idea di ottenere la cittadinanza per essere nati in Italia è stata doppiamente storpiata dalle polemiche politiche". Ha detto il ministro  durante la  cerimonia . "In effetti - ha aggiunto - si deve tenere conto dei requisiti della permanenza nel territorio e dell'aver frequentato le scuole. Sarà il Parlamento a decidere sulla nuova legge, ma nel frattempo voglio richiamare la vostra attenzione sull'esistenza di questo problema. Non risolverlo - ha concluso - determina solo il peggiorare delle cose".

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©