Politica / Napoli

Commenta Stampa

Il progetto presentato questa mattina

"Job Learning”, studenti in azienda per imparare


.

'Job Learning”, studenti in azienda per imparare
11/03/2013, 15:46

NAPOLI – Creare una evoluzione verso una nuova politica della formazione, che si contraddistingue per l’interazione con l’apprendimento nei luoghi di lavoro. Nasce con questo obiettivo preciso “Job Learning”, un programma firmato da Unioncamere Campania e Regione Campania con la partnership tecnica dell’Agenzia Regionale per la promozione della Ricerca e dell'Innovazione (Campania Innovazione). La prima edizione dell’iniziativa è stata presentata questa mattina in sala Giunta,  a Palazzo Santa Lucia.

Job learning è rivolto agli studenti delle scuole superiori di secondo grado del quarto e quinto anno, ai diplomati di istituti superiori in cerca di lavoro, a studenti universitari e a laureati provenienti dalle provincie di Napoli e Caserta.  Il progetto entrerà nel vivo nell’ottobre del 2013 per dieci giorni nell’arco di due settimane. Le imprese ed i professionisti accoglieranno, in una atmosfera informale, gli studenti. Nella prima parte i ragazzi potranno ascoltare il racconto di un mestiere e conoscere le attività specifiche, nella seconda non solo assisteranno al lavoro quotidiano, ma dove possibile, saranno anche coinvolti, Successivamente il progetto pilota, valutati i risultati potrà assumere una modalità temporale, estendibile per un intero anno.

L’esperimento, grazie all’impulso della Regione e di Unioncamere, intende sperimentare nella periferia nord di Napoli una specifica linea di azione allo scopo di favorire la riuscita di esperienze scolastiche anche in aree culturalmente e socialmente degradate, come quelle di Scampia.

Verrà anche realizzato un portale integrato, all’interno del quale verranno fornite istruzioni circa l’attività messa in piedi. Ma non solo: verrà anche pubblicato l’albo di imprenditori, professionisti, artigiani, enti che aderiranno al progetto. Una breve scheda biografica illustrerà le attività e le competenze di ciascun aderente.

I giovani interessati a contattare il professionista potranno farlo tramite portale, previa registrazione al sistema e incontro preliminare con un Tutor. Quest’ultimo verificherà le motivazioni e le esigenze degli utenti, accompagnandoli in tutto il processo organizzativo. 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©