Politica / Parlamento

Commenta Stampa

'KINDER SORPRESA': L'ULTIMA TROVATA DEI PEDOFILI


'KINDER SORPRESA': L'ULTIMA TROVATA DEI PEDOFILI
15/01/2009, 13:01

 

Si chiama “Kinder Sorpresa”  una delle ormai 228.079 segnalazioni che Telefono Arcobaleno, Organizzazione da 12 anni in prima linea contro la pedofilia on line,  evidenzia oggi.
 
L’associazione che dal 1996 collabora con le maggiori agenzie internazionali deputate al contrasto del fenomeno, ha tracciato oggi un sito pedopornografico promosso sul web come “Kinder Surprise” e definito “il migliore sito del web” attraverso il quale, organizzazioni criminali, utilizzando l’immagine del famoso ovetto di cioccolata, mettono a disposizione, a pagamento, materiale dei più atroci che vede vittime bambini e bambini di tutte le età.
I tecnici informatici di Telefono Arcobaleno lo hanno scoperto e immediatamente segnalato al N.I.T., il Nucleo Investigativo Telematico con cui, dal 2003, Telefono Arcobaleno lavora a stretto contatto con l’Associazione.
 
Il “pedobusiness”, come descritto nel Report annuale dell’Osservatorio internazionale di Telefono Arcobaleno è un chiaro indice del terribile meccanismo economico che alimenta il circuito criminale della domanda e offerta di nuovi materiali. Nel sito “Kinder Surprise” è disponibile una vasta quantità di materiale pedopornografico proposto secondo le logiche del marketing più arrogante: offerte di affiliazione a meno di 7, 5 dollari al giorno e 9.2 giga di immagini e video atroci al costo di 330 dollari spedizione inclusa.
 
È noto” dichiara il presidente e fondatore di Telefono Arcobaleno Giovanni Arena, “che i siti a contenuto pedopornografico sono tra i più visitati al mondo ed è necessario che la società civile si renda conto che la pedofilia on line è questo, è traffico e uso di bambini, niente di virtuale e niente di diverso.
La rete non è presidiata come sono presidiate le strade delle nostre città e non si capisce come mai visto che la vita, e la morte, in alcuni casi, si svolgono anche lì.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©