Politica / Politica

Commenta Stampa

Siria, Kyenge: "Guerra ma anche emergenza umanitaria"

Kyenge: "Condividere la responsabilità degli sbarchi con l'Europa"


Kyenge: 'Condividere la responsabilità degli sbarchi con l'Europa'
01/09/2013, 16:59

GENOVA - Al termine della Festa Democratica di Genova, il ministro dell’integrazione Cecile Kyenge ha trattato la questione dell’emergenza sbarchi sulle coste italiane degli immigrati che fuggono da scenari di guerra.

“Bisogna ricordare all'Europa che siamo una comunità e che alcune responsabilità devono essere condivise e non lasciate ad un alcuni stati che sono quelli che guardano sul Mediterraneo, questa è la sfida che ci poniamo davanti”, ha detto il ministro Kyenge. “Credo la politica che dobbiamo portare avanti – ha poi continuato il ministro dell’Integrazione – sia quella che abbiamo iniziato con questo governo, cioè di rafforzare da una parte le politiche di accoglienza e dall'altra la parte internazionale anche nei confronti dell'Europa”.

La Kyenge ci ha tenuto a precisare che i paesi della Comunità europea devono agire in maniera compatta e solidale tra loro anche in vista di un possibile esodo dalla Siria, in conseguenza della guerra civile e dell’imminente e quasi certo intervento delle forze armate degli Stati Uniti nel Paese. “In questo momento – ha concluso il ministro Kyenge – parliamo di guerra ma anche di emergenza  umanitaria. Dobbiamo guardare le cause per trovare delle soluzioni. Il migrante è l'ultimo anello, è colui che subisce molte di queste emergenze. Bisogna partire dalle cause per rafforzare anche i rapporti con i paesi di origine dei migranti per portarli verso la democrazia e la pace”.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©