Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Anche il suo compagno, tra i candidati commissari

La Brambilla commissaria l'Aci e la affida ad amici e parenti


La Brambilla commissaria l'Aci e la affida ad amici e parenti
30/06/2010, 09:06

ROMA - A fine 2009 l'Aci era rimasto senza vertice, dopo le lettere di dimissioni dei cinque responsabili di un ente che è importantissimo, sia perchè è quello che gestisce il Gran Premio di Formula 1 di Monza, sia per il suo cospicuo patrimonio immobiliare. Il prossimo 22 luglio ci saranno le elezioni, ma nel frattempo l'ente è commissariato dal Ministro del Turismo Michela Brambilla. Il nome e il curriculum del commissario? Massimiliano Ermolli, figlio di uno degli uomini più vicini al Presidente del Consiglio. E non è finita qui: in vista delle elezioni si erano presentate due liste, quella guidata da Ermolli junior ed un'altra, intitolata "Per la trasparenza". Ma questa seconda lista è stata dichiarata non valida da Ermolli e quindi estromessa. Nella prima si segnalano i nomi di Girolamo La Russa, figlio del Ministro per la Difesa Ignazio, e quello di Eros Maggioni, compagno della Brambilla. Insomma, una lista fatta tra amici.
I promotori della lista esclusa però non si sono arresi e hanno presentato ricorso, scrivendo parole molto dure: "Ci sono stati comportamenti e decisioni che potrebbero far ravvisare ipotesi di reato. La Procura esaminerà se vi sono gli estremi per l'azione penale". Sotto accusa in particolare la posizione di Ermolli, commissario e candidato alle prossime elezioni. E soprattutto il fatto che è consigliere di una società, Sinergetica, creata dal padre Bruno, e che ha consulenze con l'Aci dal 2008. E si tratta di consulenze a prezzi molto elevati, come i 150 mila euro per accertamenti su Sara Assicurazioni (il cui capitale è al 51% nelle mani di Aci) e la consulenza come advisor per la vendita di banca Sara, attualmente di proprietà di Sara Assicurazioni.
Adesso toccherà alla Procura competente intervenire e verificare, viste le tante stranezze. A cui se ne aggiunge un'altra: la voce di acquisti di un gran numero di tessere dell'Aci, probabilmente allo scopo di condizionare queste elezioni.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©