Politica / Regione

Commenta Stampa

Avvocato e sindaco di Pagani ucciso dalla malavita nell'80

La camorra non sconfigge Marcello Torre, oggi il ricordo


.

La camorra non sconfigge Marcello Torre, oggi il ricordo
03/12/2010, 14:12

NAPOLI - Per il trentennale della morte di Marcello Torre, l'organizzazione del Premio Nazionale per l’Impegno Civile ha previsto quattro giornate di approfondimento, di riflessione e di iniziative in memoria del sindaco ucciso.
Le parole dei familiari
Era la mattina dell’11 dicembre 1980 quando, uscendo da casa per raggiungere prima il Palazzo di Città e poi il Tribunale, Marcello Torre, Sindaco di Pagani e noto avvocato penalista, fu raggiunto da una violenta scarica di colpi d’arma da fuoco che ne troncò tragicamente la vita. La morte di Marcello segnò per la nostra famiglia e per l’intera comunità paganese un colpo durissimo. Il dolore che si prova per una fine così tragica è ancora forte dentro di noi, anche a trent’anni di distanza, e ha segnato la nostra vita in maniera indelebile.
La giustizia terrena è arrivata dopo oltre un ventennio di attesa, e ci ha lasciato ancora l’amaro in bocca, attribuendo la responsabilità dell’omicidio di Marcello a Raffaele Cutolo, condannato come mandante, ma di fatto non prendendo in considerazione la matrice “politica” del delitto. Eppure Marcello aveva scritto chiaramente, in una lettera consegnataci dopo la sua fine, di avere intrapreso una battaglia politica assai difficile e di temere per la sua vita.

In trent’anni abbiamo combattuto ogni giorno della nostra vita perché il nome e la memoria di Marcello Torre non fossero lasciati morire con lui. Abbiamo raccontato la sua storia a migliaia di giovani e di bambini perché ne conservassero il ricordo e ne rinnovassero la lezione di libertà. La sua testimonianza ha segnato per noi il cammino e noi continueremo ad impegnarci perché abbia un senso concreto anche nella realtà di oggi. È questa la ragione per la quale ogni anno ci ritroviamo, in occasione dell’anniversario della sua morte, per celebrare insieme il Premio Nazionale per l’Impegno Civile Marcello Torre. Un riconoscimento che va a chi, come Marcello, testimonia quotidianamente il suo impegno per difendere la libertà, la giustizia e la legalità, contro tutte le mafie.

Come avrete capito, il 2010 è un anno importante e impegnativo per noi. Sono passati tre decenni da quel giorno e riteniamo fondamentale riempire il più possibile di contenuti e di concretezza questa ricorrenza. È nostra intenzione farlo attraverso un percorso di riflessione che si soffermi specificamente sul tema della TESTIMONIANZA come impegno civile e sociale, un valore che può dare senso alla vita anche semplicemente dimostrando chiaramente da che parte si sta

Seguendo dunque il filo rosso del tema della testimonianza vorremmo raccontare i 30 anni che sono passati dall’omicidio di Marcello Torre, anche attraverso un’analisi storica di tre decenni nel corso dei quali in questo Paese certo è cresciuta la sensibilità antimafia, ma nel corso dei quali questo Paese ha comunque dovuto subire, e subisce, la pressione di organizzazioni criminali che cambiano abito e si insinuano nell’economia legale, nella politica, nelle Istituzioni; ha dovuto subire, e subisce, atteggiamenti di negazionismo e superficialità che sfociano nella complicità; ha dovuto subire, e subisce, colpi durissimi e morti eccellenti. E il Mezzogiorno resta, in questo quadro, terra di frontiera, dove troppo spesso la presenza delle mafie è visibile ma intoccabile e dove chi lotta, troppo spesso, viene lasciato solo.

Il racconto di questi trent’anni non può non legarsi a due eventi che in qualche modo sembrano destinati a segnare nel profondo queste celebrazioni. Il 23 novembre prossimo saranno trascorsi 30 anni anche dal tragico terremoto dell’Irpinia, che sconvolse le popolazioni di questa terra e che noi continuiamo a ritenere, nonostante le verità processuali, un elemento determinante nella vita politica e nella condanna a morte di Marcello Torre. E poi la morte di Angelo Vassallo, anche lui Sindaco, anche lui uomo onesto e libero, una persona per bene, la cui vita è stata barbaramente spezzata dal piombo assassino. È troppo significativa questa “coincidenza” di eventi per lasciarci sfuggire l’occasione, anzi la necessità, di aprire un dibattito storico, un’analisi approfondita su come il Mezzogiorno e l’Italia siano cambiati in trent’anni, su come sia cambiata la politica e la società. Ci sono interrogativi che la morte di Angelo Vassallo hanno riaperto dolorosamente: a 30 anni dalla morte di Marcello Torre un altro Sindaco ha dovuto soccombere. Come è potuto accadere?

Ecco, sono questi i pensieri che animano il nostro impegno. Noi, la nostra famiglia, i tanti giovani che con noi collaborano e operano, coltiviamo da tempo un sogno, che era poi il sogno di Marcello: costruire una Pagani “libera e civile”; costruire un’opportunità per questa terra bellissima ma ancora così difficile. Vogliamo nutrire la speranza di un domani libero dalle mafie, in cui i nostri figli e i nostri nipoti, respirino la libertà, la legalità, la democrazia, la giustizia. Memoria e impegno sono le nostre parole d’ordine, così come ci ha insegnato la grande esperienza di Libera e la guida paterna di don Luigi Ciotti.

Anche quest’anno il Premio Nazionale per l’Impegno Civile Marcello Torre godrà dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. E anzi, il Presidente Napolitano ha già assicurato la sua partecipazione morale all’evento attraverso la presenza del Consigliere di Stato per gli Affari Interni e i Rapporti con le Autonomie, il Prefetto Alberto Ruffo.

Il programma dell’evento, che troverete pubblicato in questo gruppo, prevede numerosi momenti di incontro e riflessione, tutti di grande interesse.

Vi aspettiamo... per un dovere di memoria... per una promessa di impegno...


Le giornate sono così organizzate:

Giovedì 9 dicembre 2010

• Mattinata e primo pomeriggio
Arrivo della delegazione di partecipanti al Primo Raduno Nazionale dei Giovani di Libera
• Accoglienza dei Giovani al Circolo Unione Pagani
• Ore 17.30
Momento di incontro e di discussione con La Fondazione Pol.i.s.
Presentazione del libro Al di là della notte dello scrittore Raffaele Sardo
• Ore 19.00
Rappresentazione teatrale “’A città ‘e Pullecamorra” della Compagnia Anziteatro


Venerdì 10 Dicembre 2010

• Ore 9.00 – 13.00
I giovani provenienti da altre regioni incontrano, presso le istituzione scolastiche individuate, i giovani di Pagani. L'incontro sarà un momento ideale di confronto e di testimonianza delle esperienze di antimafia sociale esistenti sul territorio nazionale. Sono previste quattro tappe ad intervalli di un’ora l’una dall’altra.

• Ore 17.00 – Circolo Unione Pagani
Convegno – dibattito sul tema
Nel nome di Marcello: 30 anni di impegno civile. Analisi e prospettive.

Isaia Sales
Scrittore
Docente di Storia della criminalità organizzata nel Mezzogiorno d'Italia presso l'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli

Don Tonino Palmese
Referente di Libera Campania

Franco Roberti
Procuratore della Repubblica di Salern

Alfredo Greco
Procuratore della Repubblica di Vallo della Lucania

Alberto Ruffo
Consigliere di Stato per gli Affari interni e i Rapporti con le Autonomie

Modera
Sandro Ruotolo
Giornalista

Alla discussione parteciperanno le istituzioni locali, provinciali, regionali, il mondo associativo e il mondo della informazione/comunicazione.


Sabato 11 dicembre 2010

• Ore 9.30 – Aula Magna Liceo Scientifico “Bartolomeo Mangino”
XXX Premio Nazionale per l’Impegno Civile Marcello Torre
Cerimonia di Conferimento del Premio
a Emergency

Partecipano Luigi Ciotti e Nando Dalla Chiesa
È previsto anche l’intervento di Avviso Pubblico, con la presenza dei Sindaci di Lamezia Terme e Corleone, Gianni Speranza e Antonino Iannazzo.
Premiazione del Sesto Concorso Scolastico Marcello Torre

• Ore 13.00
Posa di una corona di alloro in loco delicti

• Ore 16.30
Santa Messa in suffragio di Marcello Torre presso la Basilica di Sant’Alfonso Maria de Liguori


Domenica 12 dicembre 2010

• Ore 10.30 – Il Comune di Pagani ricorda Marcello Torre
Intitolazione di Piazza Corpo di Cristo a Marcello Torre

• Ore 12.30 – L’omaggio della moglie e dei figli
Cerimonia di scoprimento del busto realizzato dal Maestro Stefano Rossi presso il Cimitero di Pagani

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©