Politica / Regione

Commenta Stampa

Bassolino: Commissariamento per i termovalozzatori

La Campania fuori dall’emergenza rifiuti entro dicembre


La Campania fuori dall’emergenza rifiuti entro dicembre
14/07/2009, 13:07

Fuori dall'emergenza rifiuti entro fine anno ma Procedure straordinarie di commissariamento per il completamento dei termovalorizzatori di Napoli e Salerno e fuori dall’emergenza entro dicembre. E' quanto si è augurato il Governatore della Regione Campania, Antonio Bassolino, alla chiusura dell'audizione in prefettura a Napoli, davanti alla Commissione bicamerale d'inchiesta sugli illeciti connessi al ciclo dei rifiuti in Campania. "Stiamo lavorando - ha riferito Bassolino - insieme al governo e in piena corresponsabilità perché si possa uscire entro fine anno dal commissariamento e dall'emergenza". Il Presidente della Regione Campania ha poi illustrato la costituzione delle società provinciali dei rifiuti, completando le discariche e si sta incrementando la raccolta differenziata. Quanto agli impianti di termovalorizzazione di Napoli e Salerno, Bassolino suggerisce che é da vedere se debbano esserci delle procedure straordinarie per il loro completamento, perché abbiamo già fatto una sufficiente esperienza con Acerra e vogliamo cercare di lasciarci alle spalle certe esperienze.  "E’ necessario che tutte le istituzioni interessate si assumano le proprie responsabilità, ognuna per le proprie competenze, in modo particolare i Comuni che hanno la responsabilità della raccolta differenziata" ha continuato Bassolino.
Intanto sul fronte della raccolta differenziata in italia è arriva a oltre il 45% per 10 milioni di italiani distribuiti in 1280  comuni, pari a 7 milioni di tonnellate di rifiuti sottratte alla  discarica. Questa la fotografia sul ciclo virtuoso della  spazzatura scattata da Legambiente che anche quest'anno assegna  l'Oscar ai comuni che gestiscono meglio lo smaltimento, comuni  'Ricicloni' 2009'. Secondo Legambiente anche nel 2009 lo stivale è diviso in due: al nord sono 1112 comuni, al sud 127 amministrazioni (contro le 71 dello scorso anno) e 41 al centro. L'Oscar del riciclo 2009 va a Cessalto, in provincia di Treviso: 3754 abitanti con il 77,8% di raccolta differenziata e l'indice di buona gestione (cioé  un'attenzione all'intero ciclo dei rifiuti) più alto d'Italia, l'87,6%. E, con uno scatto di reni, la provincia di Salerno,  unico capoluogo del centro-sud, con il 45,7% riscatta la Campania dall'emergenza rifiuti, dove ci sono 61 comuni esemplari in differenziata. Sempre nel capoluogo campano è stato assegnato il 'premio Conai' per la realizzazione di un piano industriale dei rifiuti con un sistema domiciliare. Sono andati bene i sistemi dei consorzi (oltre la metà dei comuni Ricicloni), pari a circa 6,3 milioni di abitanti, tutti residenti nel nord.
 

Commenta Stampa
di Agostino Falco
Riproduzione riservata ©