Politica / Regione

Commenta Stampa

La Campania vince il Premio Euromediterraneo


La Campania vince il Premio Euromediterraneo
14/05/2011, 12:05

L’Assessorato all’Agricoltura della Regione Campania ha vinto il Premio Euromediterraneo 2011 per la Comunicazione istituzionale.
Il Premio, giunto alla decima edizione, è stato assegnato alla Regione per il road show verde “Ripartiamo dal territorio: mettiamo in moto una nuova economia”, l’iniziativa organizzata per promuovere il settore e ritenuta “ il più riuscito esempio di politica agricola dell'anno in Italia”.
La consegna del Premio è avvenuta al termine del Forum “Le nuove frontiere dell'Euromediterraneo nell'era della comunicazione globale”, che si è svolto a Roma.
Il Premio è stato promosso da Assafrica & Mediterraneo, l'Associazione specializzata di Confindustria, che rappresenta e supporta le imprese italiane operanti o interessate a svilupparsi nei 70 Paesi del Mediterraneo, Africa e Medio Oriente, in collaborazione con l'Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale.
Tra i vincitori di quest’anno Barbara Serra, giornalista di Al Jazeera, Emma D’Aquino del TG1, Paolo Liguori direttore del TGCOM Mediaset, Antonello Dose e Marco Presta, autori della trasmissione radiofonica di Radio 2 Il Ruggito del Coniglio.
“Desidero – ha commentato l’assessore all’Agricoltura della Regione Campania Vito Amendolara - esprimere la mia personale soddisfazione e quella dell’intera Giunta Caldoro per il prestigioso riconoscimento. L’evento ha rappresentato l’occasione per interrogarsi sul futuro dell’Euromediterraneo ma soprattutto sul ruolo che la Regione Campania potrà giocare in un contesto internazionale complesso e marcato.
“Per riuscirci è necessario, innanzitutto, adottare una nuova prospettiva che inquadri l’agricoltura non come un settore a sé stante ma come un sistema multifunzionale che associ alla produzione di beni, la sicurezza e la qualità del cibo, l’esperienza e la salvaguardia dei luoghi, delle persone, della storia, della cultura. L'unica strada percorribile è dunque quella di costruire un'interazione solida tra governance istituzionale ed imprenditorialità del territorio”, ha concluso Amendolara.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©