Politica / Napoli

Commenta Stampa

La Commissione Ambiente approva laproposta di delibera sui punti verdi di qualità


La Commissione Ambiente approva laproposta di delibera sui punti verdi di qualità
17/04/2012, 16:04

Via libera, oggi in Commissione Ambiente presieduta da Carmine Attanasio, alla proposta di delibera di iniziativa consiliare sugli indirizzi e criteri per la realizzazione e la gestione delle aree verdi di proprietà comunale o privata non attrezzate o insufficientemente attrezzate (realizzazione di punti verdi di qualità).
Il testo originario, che ora sarà sottoposto all’attenzione del Presidente del Consiglio comunale per l’invio agli uffici competenti, è stato modificato ed integrato nel corso della riunione di oggi, alla quale hanno partecipato i consiglieri Schiano, Fellico, Palmieri, Madonna e Vernetti, il coordinatore del Dipartimento Ambiente, Giuseppe Pulli e il coordinatore del Dipartimento del Consiglio comunale, Giuseppe Scala.
Tra gli oggetti della discussione: l’individuazione delle aree (che dovrà avvenire attraverso preliminare istruttoria delle Municipalità che provvederanno ad acquisire i pareri degli uffici competenti, atti a certificarne la compatibilità sotto il profilo della pianificazione urbanistica, della mobilità, della sicurezza e dell’interesse pubblico); i materiali e le tecnologie da usare per la realizzazione di attrezzature e servizi; le modalità di gestione e di uso dell’area (la fruizione dell’area dovrà essere libera e gratuita per almeno il 90% e aperta secondo i disciplinari dei parchi pubblici cittadini); la durata dell’affidamento della gestione; gli elementi di valutazione che saranno applicati dalla commissione esaminatrice; l’attività di controllo e monitoraggio (che sarà espletata dagli uffici competenti e da una commissione mista formata da rappresentanti dell’Amministrazione e del Consiglio comunale).
Soddisfazione è stata espressa dal Presidente Attanasio, per il quale questa proposta consentirà di recuperare alla fruizione collettiva spazi verdi non sufficientemente valorizzati per la mancanza di risorse dell’ente pubblico.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©