Politica / Napoli

Commenta Stampa

La Commissione Politiche Sociali e dell’Immigrazione sul campo rom della sesta Municipalità


La Commissione Politiche Sociali e dell’Immigrazione sul campo rom della sesta Municipalità
03/07/2012, 10:07

La Commissione Politiche Sociali e dell’Immigrazione, presieduta da Vincenzo Gallotto, si è riunita questa mattina per discutere sulla delibera 363 della Giunta che prevede la sistemazione temporanea di circa 200 cittadini rom – presenti attualmente nella zona orientale di Napoli – su un terreno di proprietà comunale sito in via Gennaro Pasquariello. Dopo l’introduzione del Presidente Gallotto, che ha auspicato che Ponticelli possa diventare un modello di rispetto della diversità, l’Assessore alle Politiche Sociali, Sergio D’Angelo ha ricordato l’emergenza dei circa 3000 rom presenti a Napoli dove l’unico insediamento regolare è quello di Secondigliano, sottolineando l’inutilità di operazioni di sgombero che provocano esodi da una parte all’altra della città.
Per invertire questa tendenza bisognerà offrire ai rom lavoro e risorse attraverso un’azione di politiche integrate. Con la delibera 363 – ha detto D’Angelo – si stanzieranno 400 mila euro per il nuovo piano che prevede un’area grande, fornita di tutti i servizi, recintata e vigilata 24 ore su 24 per evitare un’espansione incontrollata e lo svolgimento di attività illegali.
I consiglieri intervenuti (Russo, Vernetti, Aniello Esposito, Antonio Borriello, Fucito, Grimaldi) hanno sollevato diverse problematiche riguardanti: la necessità di un piano condiviso tra il territorio, la Municipalità e l’Amministrazione sugli insediamenti rom; le condizioni fatiscenti delle abitazioni ex legge 219; la bonifica delle discariche abusive dell’area orientale; la chiusura del Parco Marinella.
La Presidente della VIª Municipalità Anna Cozzino ha evidenziato l’esigenza della Municipalità ad essere protagonista delle scelte dell’Amministrazione, risolvendo le problematiche di tutto il territorio di Barra e Ponticelli e sollecitando la bonifica delle discariche abusive e un’attività di controllo e vigilanza contestuale all’insediamento.
Il vicepresidente Zuccoli e i consiglieri della VIª Municipalità (Cierro, D’Ambrosio, Visco, Capasso, Di Costanzo, Borrelli) hanno sottolineato le urgenze del territorio, in particolare: l’esigenza di non tralasciare gli interessi dei cittadini residenti per scongiurare fenomeni di intolleranza; il rischio di ampliamento dei campi già presenti in zona; la necessità di censire la popolazione rom.
In conclusione, l’Assessore D’Angelo ha ricordato che è in corso di completamento l’anagrafe dei nuclei familiari presenti sul territorio cittadino e che l’area di via Pasquariello è stata scelta al termine di un lungo lavoro svolto in collaborazione con gli uffici tecnici e del Patrimonio. Ha, infine, riconosciuto che nonostante il superamento della logica dei campi a livello europeo, è in questa fase impossibile proporre soluzioni alternative in attesa di poter disporre di risorse comunitarie per assicurare alloggi e sostenere politiche integrative.




Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©