Politica / Politica

Commenta Stampa

La Destra, Aveta: "Siamo in crescita costante. Da oggi anche a Palma Campania"


La Destra, Aveta: 'Siamo in crescita costante. Da oggi anche a Palma Campania'
26/01/2013, 11:33

NAPOLI, 26 gennaio - Nasce La Destra a Palma Campania. Il partito di Francesco Storace continua così la sua espansione sul territorio campano allargando i suoi orizzonti anche sulla piccola cittadina vesuviana. Il commissario provinciale del partito, Luciano Marotta, di comune accordo col segretario regionale Carlo Aveta, ha nominato commissario cittadino Salvatore Felice Raia, ventiseienne da sempre impegnato politicamente sul proprio territorio e costantemente presente negli ambienti della destra locale. Lo comunica in una nota la segreteria regionale de La Destra.

“Sono a dir poco onorato – confessa il neo commissario Raia – di aver ricevuto l’investitura dal commissario provinciale. Mi impegnerò con tutte le mie forze affinché quei valori di destra che ho sempre coltivato e portato avanti possano trovare la giusta espressione sul mio territorio. Sono consapevole del gravoso compito che vado ad assumere, ma

ho dalla mia l’entusiasmo e la passione di chi oggi vuole dimostrare
che una nuova, grande e vera destra è ancora possibile. Palma Campania, in tal senso, - continua Raia - ha una tradizione storica da far invidia a centri ben più grandi e conosciuti, spero che la nascita di un partito come il nostro, possa riaccendere nella popolazione quelle passioni, ne sono certo, mai veramente sopite” conclude Raia. 

“La Destra è in crescita costante, numerose adesioni giungono da tutta la Campania e c’è un ritrovato entusiasmo in vista delle elezioni politiche, merito del costante impegno sul territorio e del successo personale riscosso da Francesco Storace. Sono convinto che La Destra di Palma Campania sarà una nuova ed autorevole realtà della scena politica palmese”. Lo dichiara il consigliere regionale Carlo Aveta, segretario campano de La Destra e candidato alla Camera nelle circoscrizioni Campania 1 e 2.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©