Politica / Parlamento

Commenta Stampa

La dirigenza del PD fa muro: "Il partito non è un autobus"


La dirigenza del PD fa muro: 'Il partito non è un autobus'
13/07/2009, 13:07

L'annuncio, fatto sul suo blog, da Beppe Grillo di entrare nella competizione per le primarie a segretario del PD, ha scatenato le reazioni della dirigenza del PD. "Il Partito democratico è una cosa seria e certamente non un autobus dove uno salta sù per fare un giretto", dice Pierluigi Bersani. "La boutade di Grillo la interpreto come una delle tante provocazioni di un uomo di spettacolo. Non c’è alcuna ragione per pensare che Grillo possa essere candidato alla segreteria del Pd, nessuno è preoccupato dalla candidatura di Grillo. Il partito è una cosa seria e ha delle regole. Grillo non è iscritto e non si riconosce nel Pd. Se Grillo vuol fare politica metta in piedi un partito e si presenti alle elezioni", rincara la dose Piero Fassino.
Ma Beppe Grillo fa parte del PD, si è regolarmente iscritto ad Arzachena, versando i 16 euro di quota previsti, come ha dichiarato oggi a Sky-TG. E quindi come iscritto non ci dovrebbero essere problemi alla sua candidatura. Anche se, contrariamente a quanto dice Fassino, la sua entrata in gioco sembra avere fatto salire la tensione all'interno del PD.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©