Politica / Regione

Commenta Stampa

La fabbrica di Gay Odin ieri sera location dell’aperitivo elettorale di De Negri


La fabbrica di Gay Odin ieri sera location dell’aperitivo elettorale di De Negri
06/05/2011, 12:05

Anche la storica sede della fabbrica di cioccolata più famosa della città, quella di Gay Odin in via Vetriera, può trasformarsi per una volta in una location ideale per un meeting elettorale.

Prova ne sia il successo riscosso ieri sera dall’happening di Angioletto De Negri, candidato al consiglio comunale con la lista di Forza del Sud, che per primo ha pensato a trasformare la culla dei cioccolatini “foresta” in un ritrovo a la page.

Accompagnato dal coordinatore del movimento Maurizio Iapicca, De Negri ha accolto infatti numerosi imprenditori del settore del turismo cui del resto afferisce come Mario Pagliari, Gennaro Villani, Luciano De Gennaro, Patrizia Granata, Silvana Napolitano ma anche volti nomi dell’economia come Isidoro Balsamo, dello spettacolo come Fabrizio Fierro e Mena Carcuro, ed ancora Elena D’Antonio, il marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli, il direttore d’orchestra del San Carlo Riccardo Fiorentino, il professore Andrea Campanelli con la figlia Roberta, Annamaria Docimo della Croce Rossa di Napoli, Mario Stornaiolo, Roberto Sorrentino ed Alfonso Narciso Daino, Carlo Guardascione e Barbara Magistrelli della Fondazione Idis, la past president del Soroptimist Napoli Isa Contaldi Iodice e dell’IWC Rosa Cristiano, Pierluigi Scarpa, nonché Elena, Fonsi ed Antonio Pempinello, Paolo Passaro, Enrico Donatone, Marco Fortino, Angelo Lavecchia, Paolo Salvo, Angela Aloschi e Rossella Petrone.

Al fianco di De Negri, a discutere sul tema “il turismo ed i giovani”, non potevano infine mancare Fabrizio Cantella, candidato alla quinta municipalità Vomero – Arenella, ed Alessia D’Angelo, a sua volta candidata alla prima municipalità Chiaia – San Ferdinando – Posillipo.

La serie di incontri di De Negri terminerà invece la sera del 12 al ristorante “Le Arcate” di via Aniello Falcone con la presenza di Gianni Lettieri.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©