Politica / Parlamento

Commenta Stampa

L'opposizione abbandona i lavori

La Finanziaria approvata in Commissione, da mercoledì in aula


La Finanziaria approvata in Commissione, da mercoledì in aula
07/12/2009, 14:12

ROMA - Sono bastati 10 minuti ai deputati del Pdl per bocciare i 150 emendamenti presentati dall'opposizione sulla legge Finanziaria: giusto il tempo di scriverlo sul verbale della Commissione Bilancio e via. La cosa è stata resa possibile dal fatto che i deputati di opposizione hanno abbandonato l'aula, non sopportando più la totale chiusura della maggioranza a qulunque modifica. Tanto che il capogruppo del Pd in commissione, Pier Paolo Baretta, ha denunciato quella che ha definito come un'apposizione della fiduia sin dalla Commissione, un qualcosa di mai visto in passato. Mentre è quasi certo - manca solo l'ufficializzazione - che l'approvazione della legge verrà fatta a colpi di fiducia, come confermato anche dal Viceministro all'Economia, Giuseppe Vegas.
Intanto, cominciando a leggere quello che sarà l'impianto definitivo si notano molte cose poco accorte. Una delle più gravi è stata la cancellazione dei fondi per la ricostruzione delle case distrutte a Viareggio, quando il 29 giugno scorso esplose l'autocisterna di gas e provocò oltre 20 morti. Si trattava di una modesta somma, 30 milioni, una parte della quale - secondo le intenzione dei proponenti, deputati del Pd - sarebbe andata alle famiglie delle vittime (20 milioni), mentre gli altri soldi sarebbero confluiti nel fondo regionale (15 milioni già presenti) per la ricostruzione. Ma la maggioranza ha detto di no.
E i legali delle famiglie delle vittime di quella strage sono molto preoccupati anche per un altro motivo. Infatti, se venisse approvata la legge sul processo breve, anche il reato contestato per questo episodio - cioè strage colposa - finirebbe nel novero di quelli che devono durare due anni al massimo. Ma come fai a far durare due anni un processo che raccoglie centinaia di testimonianze e decie di perizie? E' impossibile.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©