Politica / Parlamento

Commenta Stampa

LA GIUNTA APPROVA LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI


LA GIUNTA APPROVA LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI
22/11/2008, 10:11

 

La Giunta regionale della Campania, su proposta dell’assessore alle Politiche Sociali Alfonsina De Felice, ha approvato il regolamento per l’istituzione della Carta dei Servizi sociali.
 
Presso i 52 Ambiti territoriali della Campania e gli altri soggetti erogatori di servizi sociali (Case famiglia, associazioni di volontariato, centri di assistenza, ecc.) i cittadini troveranno le informazioni sui servizi offerti, i soggetti autorizzati e accreditati, i criteri di accesso, le modalità di erogazione degli stessi, gli standard di qualità.
 
Con la Carta vengono stabiliti inoltre gli obiettivi e le risorse, le forme di coinvolgimento di operatori e familiari, le tariffe, le fasce di reddito ed ogni altra informazione utile per una piena partecipazione dell’utente. Contiene altresì le procedure di reclamo, la pubblicità delle informazioni, e il responsabile di ogni procedimento all’interno dell’Ambito e degli altri soggetti erogatori di servizi.
 
La Carta è nella disponibilità di chi ne fa richiesta, e può essere consultata anche a mezzo web presso i siti dei soggetti accreditati.
 
Si tratta di uno strumento che regolamenta l’art. 26 della legge regionale n. 11 del 2007 sulla dignità sociale. Nelle prossime settimane saranno approvati gli altri 7 regolamenti per la piena entrata in funzione del piano sociale regionale.
 
 “Grazie a questo primo regolamento - ha dichiarato l’assessore De Felicerendiamo operativi i principi della legge sulla dignità: accessibilità, trasparenza, efficacia. L’utente ora potrà scegliere tra i servizi offerti, capire come accedervi, a chi rivolgersi, con chi reclamare. La carta è lo strumento con cui l’ente assume impegni verso il cittadino e garantisce la sua attiva e diretta partecipazione. Con essa stabiliamo un importante passaggio per l’applicazione operativa della legge cui seguiranno le ulteriori regolamentazioni per il piano sociale regionale.”
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©