Politica / Politica

Commenta Stampa

Al via il tanto atteso Congresso Federale del movimento

La Lega cambia volto: Maroni candidato unico alla segreteria

Il partito ad Assago: parola fine all’era del senatur

La Lega cambia volto: Maroni candidato unico alla segreteria
30/06/2012, 11:06

MILANO - Tutto pronto per il Congresso Federale della Lega Nord ad Assago, quello che darà ufficialmente il via all’era Maroni. Nessun colpo di scena dell’ultimo minuto, perché l’ex ministro Roberto Maroni ha annunciato la sua candidatura unica a segretario federale del partito. A far trapelare l’ipotesi di improvvise sorprese era stato il fatto che ancora in mattinata Maroni non aveva ufficializzato la sua candidatura, ma ora viene fatto sapere che ha raccolto tra i delegati 400 firme su 630. Un lungo applauso ha salutato l’annuncio della sua unica candidatura, fatto dal presidente del Congresso, Giancarlo Giorgetti, che ha ufficialmente informato i congressisti dell’unico nome propostosi per guidare la prossima Lega 2.0. Domani, quindi, sarà lo stesso Congresso a votare per la sua elezione.
Quel che è certo però, è che qualcosa oggi dovrebbe cambiare, mettendo la parola fine all’era Bossi. Ad Assago le fibrillazioni non mancheranno, anche perché solo ieri Bobo ha lanciato l’ultimo avvertimento al senatur, ribadendo che non ci sta a fare il “segretario dimezzato”: un chiaro segnale, che di sicuro ha creato non poche tensioni tra i due. Al Forum di Assago, dunque, dovrebbe consumarsi la resa dei conti e oltre seicento delegati convergeranno oggi per quello che assicurano essere il “congresso della svolta”, che dovrebbe eleggere non solo il segretario del partito, ma soprattutto fissare un netto cambiamento nel partito.
Intanto, oggi sarà la volta degli amministratori locali meno conosciuti, ma già considerati le nuove leve dei leader nazionali, poi domani, intorno alle 14, Roberto Maroni, già ministro degli Interni e adesso triumviro del partito (insieme a Roberto Calderoli e Manuela Dal Lago), otterrà l’investitura da segretario federale.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©