Politica / Politica

Commenta Stampa

Intenzione reale o semplice provocazione?

La Lega valuta di abbandonare Roma e il Parlamento

Maroni: “Decideremo al prossimo Congresso”

La Lega valuta di abbandonare Roma e il Parlamento
24/05/2012, 18:05

MILANO - Vuoi per la batosta presa alle ultime Amministrative, ma ancor più per le conseguenze degli scandali venuti a galla negli ultimi mesi, sta di fatto che la Lega Nord pare stia meditando l’uscita dal Parlamento. La notizia ovviamente non è ufficiale, ma a confermare tale indiscrezione è stato l’ex ministro dell’Interno Roberto Maroni a margine dell’assemblea di Confindustria. Tale ipotesi, dunque, starebbe circolando tra i corridoi di via Bellerio, dove, dopo lo scandalo targato “Bossi Family”, pare essere iniziata la fase di ricostruzione del movimento. La decisione dovrebbe essere presa, stando a quanto affermato dal triumviro leghista Maroni, nel corso del prossimo Congresso Federale di fine giugno, quello a cui è legata la sorte del Carroccio: “Al Congresso – ha infatti detto l’ex ministro – la Lega deciderà se lasciare le Camere oppure no. Dobbiamo rinnovare la nostra proposta politica per tornare a prendere il consenso che abbiamo perso a queste elezioni ed aumentarlo – ha aggiunto -. La sfida è importante e significativa, ma sono sicuro che possiamo farcela in vista delle elezioni politiche del 2013”. È con queste parole che il triumviro del Carroccio, dopo gli scandali che hanno travolto la Lega e il suo fondatore e dopo la sconfitta alle elezioni Amministrative, valuta quindi la scelta di un passo indietro. Che si tratti di un’intenzione reale per dare un segnale forte alla politica o solo di una provocazione non è dato saperlo, di sicuro però l’imperativo tanto per l’ex ministro Maroni, quanto per l’intero movimento, sembra essere uno: ritrovare il consenso perso. Intanto, l’idea di abbandonare Roma, inizialmente lanciata da Matteo Salvini nei giorni scorsi, è subito rimbalzata sulla pagina Facebook di Maroni e non sembra dispiacere i suoi fans.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©