Politica / Politica

Commenta Stampa

Inconciliabili interessi di Berlusconi e degli altri partiti

La legge elettorale bloccata dai veti incrociati


La legge elettorale bloccata dai veti incrociati
03/03/2014, 17:23

ROMA - Continua il lavoro di mediazione per approvare in tempi rapidissimi la nuova legge elettorale, che tra 24 ore tornerà all'esame della Camera. L'ultima novità è un emendamento, presentato da D'Attorre, che prevede di usare il cosiddetto Italicum solo alla Camera dei Deputati e non al Senato, dando per scontato che la Camera Alta verrà abolita. 

Una soluzione che però trova il no immediato di Forza Italia, dimostrato dalle parole del capogruppo alla Camera Renato Brunetta: "Cambiare la legge elettorale solo per la Camera creerebbe solo caos, caos che la Corte costituzionale non potrà far altro che dichiarare illegittimo alla prima occasione". In realtà non è incostituzionale, ma contrasta con la volontà di Berlusconi di andare ad elezioni nella primavera del 2015: se per allora la modifica costituzionale del Senato non sarà stata fatta, si dovrà selezionare il Senato con una legge elettorale proporzionale, che rende impossibile la creazione di una qualsiasi maggioranza. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©