Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Cdm lampo, ma i nomi ci sono. Domattina il giuramento

La lista dei sottosegretari c’è. E anche un nuovo ministro

È Filippo Patroni Griffi che va alla Funzione Pubblica

La lista dei sottosegretari c’è. E anche un nuovo ministro
28/11/2011, 22:11

ROMA – È stato un Consiglio dei ministri lampo, iniziato alle 20:25 (con più di un’ora di ritardo) e terminato alle 20:45. Ma tra suspance e continuo via vai di voci di corridoio che hanno accompagnato l’attesa, adesso la lista dei sottosegretari e viceministri c’è, e ognuno ha un nome e un volto ufficiali. Inizialmente la seduta a Palazzo Chigi era stata convocata per la nomina dei sottosegretari e anche per l’esame di leggi regionali in scadenza, ma alla fine il secondo ordine del giorno è slittato e si è avuta solo l’ufficializzazione dei sottosegretari di Stato. Il giuramento di queste nuove personalità entrate a far parte della squadra del Professore dovrebbe essere domani mattina alle ore 10.
Intanto, trova conferma l’indiscrezione circolata nelle ore di attesa a Palazzo Chigi: il numero dei ministri sale a 18. Anche il Dicastero della Funzione Pubblica, in un primo momento assorbito nella presidenza del Consiglio, avrà ora un suo titolare. Si tratta di Filippo Patroni Griffi, presidente di Sezione del Consiglio di Stato. Questa decisione sembra sia stata presa in giornata, in seguito all’incontro tra il Professore e l’inquilino del Colle al Quirinale: sarebbe stato proprio il capo dello Stato a far notare la necessità di un responsabile di questo ministero.
Tornando ai nomi che hanno ottenuto l’ok, diventa una certezza la nomina di Vittorio Grilli, direttore generale del Tesoro, che va all’economia come vice dello stesso Mario Monti. Sempre all’economia, come sottosegretari, vanno Vieri Ceriani, già a capo dei servizi fiscali di Bankitalia, e Gianfranco Polillo, anche lui sottosegretario a via XX Settembre, mentre Giampaolo D’Andrea sarà il sottosegretario ai rapporti con il Parlamento, insieme ad Antonio Malaschini. Carlo Malinconico è stato nominato sottosegretario all’Editoria, mentre Paolo Peluffo è invece sottosegretario alla Comunicazione e all’Informazione. Andrea Zoppini, professore universitario a Roma 3, e Salvatore Mazzamuto, sempre della stessa università, sono i nuovi sottosegretari alla Giustizia. "Una bellissima squadra e un sacco di brave persone", ha dichiarato qualche ministro al termine del Consiglio, e tra i nominati compare anche il nome di Carlo De Stefano, Giovanni Ferrara e Saverio Ruperto come sottosegretari all'Interno, mentre Marta Dassù e Staffan De Misturo vanno agli Esteri. Non manca un sottosegretario alle Infrastrutture: questo è Guido Improta. Elena Ugolini e Marco Rossi Doria, a quanto si apprende, sono stati nominati sottosegretari all'Istruzione, mentre Michel Martone viceministro al Welfare, con Cecilia Guerra, e Roberto Cecchi ai Beni Culturali. Confermati anche Mario Ciaccia, come viceministro allo Sviluppo  Economico con delega alle Infrastrutture, e Adelfio Elio Cardinale come sottosegretario alla Sanità. Concludono la lista dei nominati Filippo Milone e
Gianluigi Magri alla Difesa, Francesco Braga alle Politiche Agricole e Alimentari, Tullio Fanelli all'Ambiente.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©