Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Aiuterebbe a blindare la maggioranza nel caso di defezioni

La maggioranza ci riprova con la "sfiducia costruttiva"


La maggioranza ci riprova con la 'sfiducia costruttiva'
22/04/2011, 10:04

ROMA - Nuova proposta della maggioranza, che mira a stravolgere l'impianto costituzionale. La proposta è del presidente del gruppo Iniziativa Responsabile, Luciano Sardelli, ed è la cosiddetta "sfiducia costruttiva": nel momento in cui viene presentata una mozione di sfiducia contro il premier, già deve esserci un nuovo premier e un nuovo programma, scritto nella mozione di sfiducia. Anche questa è una legge costituzionale, quindi con i tempi lunghi del doppio passaggio alla Camera e al Senato.
Non è una novità assoluta: in Germania c'è da tempo. Il problema è che l'attuabilità in Italia è alquanto dubbia, dato che la Carta Costituzionale stabilisce che è il Presidente della Repubblica a scegliere il candidato Presidente del Consiglio e quest'ultimo poi deve trovare una maggioranza. Quindi, come può il Parlamento prendersi il diritto di fare una scelta che tocca al Presidente della Repubblica, senza intaccare pesantemente il complesso sistema di pesi e contrappesi su cui si regge il nostro Stato?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati

23/04/2011, 12:04

Gasparri, attaca Santoro e Rai