Politica / Politica

Commenta Stampa

Ma resta il problema delle Commissioni di controllo

La maggioranza nomina i presidenti delle commissioni


La maggioranza nomina i presidenti delle commissioni
21/06/2018, 17:46

ROMA - Finita la spartizione delle poltrone di Presidente di Commissione all'interno della maggioranza. Quelli scelti dal Movimento 5 Stelle alla Camera sono: alla commissione Giustizia Giulia Sarti; agli Esteri Marta Grande; alla Difesa Gianluca Rizzo; alle Finanze Carla Ruocco; agli Affari costituzionali Giuseppe Brescia; alla Cultura Luigi Gallo; agli Affari sociali Marialucia Lorefice, all'Agricoltura Filippo Gallinella. La Lega invece alla Camera ha scelto alla presidenza della Bilancio Claudio Borghi; alle Attività produttive Barbara Saltamartini, ai Trasporti Alessandro Morelli, all'Ambiente e Lavori pubblici Alessandro Benvenuto, al Lavoro Andrea Giaccone. 

Al Senato, ai 5 Stelle va la presidenza della commissione Esteri con Vito Petrocelli; del Bilancio con Daniele Pesco; del Lavoro con Nunzia Catalfo; dei Lavori pubblici con Mauro Coltorti; dell'Industria con Gianni Girotto; della Sanità con Pierpaolo Sileri; delle Politiche Ue con Ettore Antonio Licheri; dell'Ambiente con Vilma Moronese. Alla Lega va la presidenza della commissione Giustizia con Andrea Ostellari; degli Affari costituzionali con Stefano Borghesi; delle Finanze con Alberto Bagnai; della Difesa con Donatella Tesei; dell'Agricoltura con Gianpaolo Vallardi.

Resta invece aperta la questione delle commissioni di controllo bicamerali, il Copasir (controllo sui servizi segreti) e la Commissione di Vigilanza sulla Rai. La seconda potrebbe andare a Forza Italia; ma la prima è contesa tra il Pd (a cui spetterebbe in quanto più forte tra i partiti di opposizione) e Fratelli d'Italia che, pur non avendo votato contro la fiducia al governo, asserisce di essere all'opposizione e vuole per se quella poltrona. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©