Politica / Politica

Commenta Stampa

Finocchiaro (Pd): "Siamo alla farsa, ma resta uno scandalo"

La manovra perde un altro pezzo: cancellata modifica alle pensioni

La Ue vuole misure per la crescita

La manovra perde un altro pezzo: cancellata modifica alle pensioni
31/08/2011, 14:08

ROMA - E' nata e defunta in meno di 48 ore, ma non saranno in molti a rimpiangerla, la norma che cancellava il diritto di riscatto per servizio militare e laurea. Lunedì era stata annunciata, al termine dell'incontro di Arcore, come unica, vera e sostanziale novità dell'incontro; oggi è stata cancellata, al termine di un incontro tra il ministro del Welfare Maurizio Sacconi e quello della Semplificazione Roberto Calderoli. La motivazione ufficiale della scelta è che ci sono dubbi di costituzionalità sulla norma; ma è difficile non pensare che abbiano avuto un peso rilevante le valanghe di e-mail di protesta arrivate a tutti i quotidiani. Per tappare il buco causato dalla cancellazione di questa norma, è stato deciso di aumentare le norme anti-evasione fiscale (anche se nessuno sa esattamente quali siano, ndr).
In tutto questo, a complicare la situazione, arriva una presa di posizione molto precisa da parte dell'Unione Europea. L'ha detto Amadou Altafaj, portavoce del commissario europeo per gli affari economici e monetari Olli Rehn: "Nell'analizzare i contenuti della manovra italiana, la Commissione europea dedicherà particolare attenzione alle misure strutturali destinate ad agevolare e sostenere la crescita per verificare che esse rispettino i parametri fissati nelle raccomandazioni rivolte dall'Ue all'Italia lo scorso giugno". Modo cortese per dire che l'Italia deve far crescere il proprio Pil, se vuole evitare sanzioni dalla Ue.
Le reazioni in Italia sono state diverse a seconda dei diversi interessi politici. Il primo ad esultare è stato il segretario della Cisl, Raffaele Bonanni: "Il governo ci ha ascoltati". Entusiasmo non condiviso dalla collega della Cgil Susanna Camusso. Mentre è duro l'intervento di Anna Finocchiaro, capogruppo del Pd al Senato: "Quello che sta avvenendo sulla manovra sfiora la farsa ma rimane comunque scandaloso c'è da gioire per la cancellazione di una norma ingiusta e incostituzionale come quella sulle pensioni ma ora ci troviamo di fronte a una manovra che non esiste". ANcora più duro quello di Massimo Donadi, esponente dell'Idv: "Sulle pensioni il governo è passato dalla truffa alle comiche".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©