Politica / Regione

Commenta Stampa

Napoli. Cascetta illustra il progetto pilota

La metropolitana modello per le città europee


.

La metropolitana modello per le città europee
18/01/2010, 15:01

NAPOLI - Unica soluzione possibile al problema della mobilità e, più in generale, dello sviluppo sostenibile è la creazione di una rete su ferro intorno alla quale riqualificare il territorio. E' quanto emerge dai dati presentati dall'assessore regionale ai Trasporti Ennio Cascetta a Napoli nel corso del convegno "La metropolitana per il futuro della città”.
Per la linea metropolitana regionale della Campania negli ultimi 10 anni sono stati investiti oltre 9 miliardi di euro di cui 3 miliardi già spesi, 2,5 miliardi in fase di spesa e 3,5 miliardi di risorse programmate.
Dal 2000, inoltre, sono stati completati 54 chilometri di nuove linee, altri 50 km sono in costruzione e 66 km in progettazione e realizzate 39 nuove stazioni (che diventeranno 102 alla fine dei lavori, con 30 in costruzione e 33 in progettazione).
"Gli interventi, ha spiegato Cascetta, hanno visto anche la riqualificazione del materiale rotabile, con 94 nuovi treni per un investimento di 444 milioni di euro, e l'introduzione di 1.250 nuovi bus, di cui 171 a metano e 12 elettrici, con le metropolitane si favorisce anche lo sviluppo di una vera filiera industriale, spesso viene detto che i fondi europei e i fondi Fas dati al Mezzogiorno sono inutili perché spesi male; ma guardando quello che si e' fatto, i cittadini potranno forse convincersi che e' vero l'esatto contrario".
"I cittadini per anni subiscono disagi, a causa dei cantieri, ma poi scoprono che la realtà cambia", spiega il sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino. La linea della metropolitana regionale, rappresenta la più grande opera pubblica in corso in Italia dopo l'alta velocità ferroviaria.
Un progetto che se fosse stato realizzato a Milano o Roma sarebbe su tutti i giornali, purtroppo Napoli gode di una scarsa considerazione sulle cose che fa.
Le prossime scadenze per il metrò partenopeo prevedono l'apertura entro quest'anno della stazione Università, a piazza Bovio, e quella di Rione Luzzati sulla linea 2, mentre nel 2011 e' prevista l'inaugurazione di Piazza Municipio e della linea che arriverà fino alla stazione centrale.

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©