Politica / Parlamento

Commenta Stampa

La popolarità di Berlusconi? Al 17% in Europa


La popolarità di Berlusconi? Al 17% in Europa
08/07/2009, 14:07

Ascoltando le dichiarazioni del Presidente del Consiglio SIlvio Berlusconi, negli ultimi giorni, lui ha il favore del 64,1% (da notare il virgola uno, ndr) degli italiani. Due settimane fa, questo dato, sempre secondo Berlusconi, era al 61%. Prima delle elzioni era al 75%. Sono dati che vengono comunicati senza riferire nulla sulla provenienza; quindi bisogna crederci sulla fiducia. Una importante società di sondaggi internazionale - la Harris Interactive - ha condotto un'indagine in sei Paesi europei, per conto dell'emittente francese France 24 e per International Herald Tribune, uno dei più importanti quotidiani al mondo. La domanda - rivolta a poco più di 6000 persone in Francia, Germania, Spagna, Italia, Gran Bretagna e Stati Uniti - era se si aveva o no fiducia su ciascuno dei leader europei. I risultati sono stati sorprendentemente diversi da quanto riferito da Berlusconi. Infatti, il leader più popolare è Barack Obama, con l'80% dei consensi; seguito dal Dalai Lama con il 74%. Poi il migliore degli europei, la Merkel, col 51%; seguita da Tony Blair, che benchè non operi più come premier, guadagna ben il 48% dei consensi. E Berlusconi? Per trovarlo, bisogna scendere al 12esimo posto, con il 17% dei consensi, dietro anche Sarkhozy, Papa Ratzinger, Gordon Brown (il sondaggio è stato fatto a marzo, prima che scoppiasse lo scandalo dei rimborsi), Zapatero, Ban Ki-Moon, Barroso e Lula.
Qualcuno obietterà: "Ma Berlusconi parlava dell'Italia". Secondo lo stesso sondaggio, gli italiani che hanno fiducia in lui sono il 38%, dato che non è lontano dai voti he ha preso alle elezioni. Segno che ha fiducia in lui solo chi lo vota. Ed è questo a far salire la media, perchè all'estero è difficile che il 10% esprima fiducia nei suoi confronti. E così abbiamo anche sistemato la frase che "grazie al governo Berlusconi, l'Italia aumenta la propria reputazione all'estero".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©