Politica / Politica

Commenta Stampa

Si indaga su dichiarazioni rese alla Giunta delle immunità

La Procura chiede i verbali dell’ audizione di Lusi a P. Madama

Rutelli sull’ex tesoriere: “E’ un ladro senza vergogna"

La Procura chiede i verbali dell’ audizione di Lusi a P. Madama
18/05/2012, 13:05

ROMA – Continua l’inchiesta sullo scandalo che ha coinvolto l'ex tesoriere della Margherita Luigi Lusi, accusato di appropriazione indebita ed associazione per delinquere nella gestione dei soldi del partito.
Ieri sera Lusi, durante l'audizione alla Giunta delle immunità di palazzo Madama, ha rincarato la dose raccontando di episodi che riguardano i suoi “ex colleghi” di partito. Parole dure sono state usate per Francesco Rutelli: “Ero il bancomat del partito”, ha riferito. Dichiarazioni che ora la Procura di Roma vuol ben esaminare, Questa mattina, infatti, è stato inoltrata al presidente del Senato, Renato Schifani, la richiesta di una copia delle affermazioni rese dal senatore Luigi Lusi lo scorso 16 maggio davanti alla Giunta per le immunità. Potrebbe aprirsi, dunque, un nuovo filone nelle indagini.
Ma Francesco Rutelli non ci sta e spedisce al mittente tutte le accuse: “Lusi? Un ladro senza vergogna. Un mentitore e inquinatore pericolosissimo, ormai paragonabile nei comportamenti al ben noto calunniatore Igor Marini", critica Rutelli che annuncia una nuova denuncia alla procura di Roma per quanto detto ieri davanti alla Giunta del Senato da Lusi.
E Rutelli nel scrollarsi da dosso quanto dichiarato dall’ex tesoriere del partito, sottolinea quando fatto negli anni di militanza nella Margherita: “Io alla Margherita ho dato tantissimi denari (con i rimborsi elettorali conquistati, con i voti e con numerosissime iniziative di autofinanziamento e, direttamente, con i miei contributi personali) e non ho mai preso un centesimo per me. Ci vuole pazienza, ma chi ha sempre agito correttamente e onestamente otterrà giustizia, ed egli pagherà per tutte le sue malefatte, tenute nascoste per anni in modo malvagio”.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©