Politica / Napoli

Commenta Stampa

I dirigenti regionali del partito dicono no a manovra Monti

La protesta dei Pensionati, incatenati alla sede dell'Inps


.

La protesta dei Pensionati, incatenati alla sede dell'Inps
26/01/2012, 12:01

“Non ce la facciamo più”. E’ questo il grido dei pensionati napoletani. Di fronte al blocco delle pensioni, e agli aumenti dovuti alla manovra del Governo Monti, i dirigenti regionali del Partito Pensionati hanno deciso di lanciare un segnale forte di difficoltà. Stamattina il leader dei Pensionati della Campania, Fortunato Sommella, in compagnia di altri esponenti del partito, si è incatenato ai cancelli d’ingresso della sede provinciale Inps di via Galileo Ferraris, all’angolo con corso Arnaldo Lucci. “Non intendiamo fermarci – commento Sommella – ribellarsi a quanto sta accadendo è giusto e doveroso. Abbiamo anche lanciato una petizione in tutta Italia. Piazza per piazza, stiamo raccogliendo l’adesione di tanti. Per ora abbiamo diecimila firme. Puntiamo a raggiungere quota cinquantamila per poi sottoporle al Governo. Non per un referendum, che servirebbe solo a far guadagnare qualche rimborso ai partiti, ma per far capire qual è la reale convinzione della gente”.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©