Politica / Parlamento

Commenta Stampa

LA PROTESTA DEL PD SULLE LISTE: E' GUERRA?


LA PROTESTA DEL PD SULLE LISTE: E' GUERRA?
04/03/2008, 17:03

E' già polemica sulle liste del PD in Campania. Molti politici aderenti al partito Democratico hanno sottoscritto una lettera che pubblichiamo integralmente per dare voce all'opinione di tutta la grande coalizione di centrosinistra. E' l'inizio di una nuova guerra?

Il coordinamento nazionale del PD ha approvato, per la Campania, liste deboli, che non valorizzano adeguatamente le tante energie di cui la società ed il partito campano dispone.
Si tratta, purtroppo, di un’occasione persa.
C’era bisogno di un forte rinnovamento, di mettere in campo forze nuove, di aprirsi alla società ed invece ci ritroviamo con una lista che è l’esatto opposto del partito federale di cui da mesi andiamo parlando.
Rinnovare non significa escludere le forze locali e riempire  la lista di nomi catapultati in Campania da tutta Italia.
Abbiamo grande rispetto per tutte le personalità “nominate parlamentari” nelle nostre liste, ma fatichiamo ad immaginare che quei nomi ( nel loro insieme) possono rappresentare un valore aggiunto per il nostro risultato elettorale.
Francamente appare un’operazione di basso profilo.
Dopo aver  giustamente scelto di non ricandidare De Mita è incomprensibile come si sottovaluti clamorosamente il tema di avere una lista di uomini e donne (interni ed esterni) fortemente radicati sul territorio.
Noi consideriamo straordinario il lavoro che Walter Veltroni, ed il gruppo dirigente nazionale, stanno svolgendo in Italia.
Ma attenzione, le elezioni non si vincono solo con brillanti operazioni mediatiche.
La lista di Campania 1 è sconcertante per debolezza, oltretutto il più giovane ha superato i 50 anni! A Campania 2 nella provincia di Caserta si compie un pasticcio senza precedenti : non si riconosce alcun ruolo al Coordinatore Provinciale e nel contempo si annulla qualsiasi rappresentanza sia degli ex DS che dalla ex Margherita. Ad Avellino, dove ci giochiamo una partita difficilissima, degli ex DS non vi è traccia in lista.
Dopo essere stati  in Campania per anni una forza decisiva per tutto il centrosinistra italiano, avevamo bisogno per rilanciare la nostra iniziativa ed affrontare le nostre grandi difficoltà,  di ben altro coraggio riformista nella composizioni delle liste.
Non è mortificando il partito campano che si risolvono i nostri gravi problemi.
Purtroppo, non è stato possibile svolgere le primarie per scegliere i nostri candidati, ma non bisogna essere degli scienziati del consenso, per sapere, semmai si fossero svolte, che ben diverso sarebbe stato l’ordine della lista in tutte le circoscrizioni.
Ci sorprende e ci delude la valutazione positiva del segretario regionale Tino Iannuzzi che addirittura considera le liste in grado di aprire “una stagione nuova” in Campania. E parte, a nostro avviso, con il piede sbagliato Gino Nicolais che,  per il ruolo determinante che ha svolto nella composizione delle liste, non ha saputo cogliere le attese e le aspettative del Partito campano, farse perché non è stato in grado di vincere la tentazione della corrente personale.
Una delle poche buone notizie che ci è venuta da Roma è quella  di affidare a Massimo D’Alema la responsabilità di guidare la  lista a Campania 1.
L’aver chiesto ad una personalità amata ed autorevole di guidare la lista è la conferma di quanto fosse necessaria una figura riconosciuta e riconoscibile per  larghi strati della comunità a noi legata.
Ancora una volta Massimo D’Alema si contraddistingue per generosità e coraggio. E noi, nonostante l’amarezza, daremo il massimo  impegno per l’affermazione del Partito Democratico in Campania e nel Paese
 

Massimo Paolucci
Ciro Cacciola
Elisabetta Gambardella                                                                    
Gaetano Pascarella
Nicola Ucciero
Carmine Simeone                                                                
Salvatore Galiero                                     
Giuseppe Venditto
Enrico Fabozzi
Francesco Taglialatela
Raffaele Galante                                      
Achille Natalizio
Antonio Giordano
Vita Convertino                                         
Clemente Gargogli
Elio Buono                                                   
Alina Mastracchio
Aldo Amoretti                                         
Roberto Iavarone
Gerardo Adiglietti                                    
Radolfo Parisi
Sergio Barbaro                                          
Alfonsina Natale
Ettore Iacovacci                                       
Costantino Leuci
Rita Petrozziello                                         
Angelo Golino
Maria Cerullo
Mario Matarazzo
Antonella Ciocia
Luana Evangelista
Pasquale Gallicchio
Viola Di Pietro
Sergio Sorrentino
Cettina Russo
Yuri Bervicato
Raffaella Stinca
Elio Coppola
Cascella Antonietta
Enzo Ascione
Cinzia Giordano
Ciro Salzano
Nappo Alessandra
Carlo Esposito
Pasqua Di Micco
Franco Franzese
Maria Longobardi
Roberto De Fez
Silvio Vanacore
Antonietta Romano
Michela Rostan

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©