Politica / Parlamento

Commenta Stampa

L'europarlamentare: "Rispettare istanze delle Comunità"

La protesta di Rivellini, zampognari al Parlamento Ue


.

La protesta di Rivellini, zampognari al Parlamento Ue
12/12/2012, 15:56

STRASBURGO – Difendere le tradizioni popolari e l’autonomia del Sud. E’ questo il motivo per cui l’europarlamentare Enzo Rivellini ha chiesto l’esposizione al Parlamento Europeo, accanto all’albero di Natale, anche del Presepe. Una richiesta formulata oggi, in occasione della seduta plenaria dell’assemblea a Strasburgo. “Se vogliamo più Europa dobbiamo rispettare le istanze di tutte le Comunità - ha detto Rivellini esponendo in le sue ragioni - e posizionare il presepe, simbolo del Natale dei popoli meridionali, accanto all'albero è un segnale di una Europa non più a trazione nordista, ma rispettosa dei diritti di tutti”.

E per rafforzare la richiesta l’europarlamentare ha, poi, dato il via ad una coppia di zampognari che ha intonato la musica della pace tipica della tradizione del sud Italia. “L’obiettivo da raggiungere – ha ribadito Rivellini – è quello di difendere i diritti dei popoli del sud”.

Ma la civile protesta inscenata in Parlamento non ha avuto eco: la conferenza stampa, organizzata per spiegare il motivo della lamentela non è stata trasmessa via streaming. Duro è in merito il commento di Enzo Rivellini: “Questa è la dimostrazione, che i burocrati non vogliono l'Europa dei popoli, ma dei poteri forti. Pertanto anche iniziative di pace, ma che risvegliano l`orgoglio delle Comunità come quella che oggi abbiamo fatto a Strasburgo facendo suonare le zampogne è per i grandi poteri, i burocrati, i nordisti un pericolo”.

Insomma, esprime rammarico l’europarlamentare secondo il quale è giusto comunque battersi per la propria Comunità. La preoccupazione per Rivellini è quella di una possibile concorrenza sleale tra i Paesi della stessa comunità: “Se l'istituzione europea consente una cosa del genere – dice – alcuni Paesi potrebbero attirare aziende che chiudono in Italia per aprire dove il costo del lavoro è minore. Così – conclude Rivellini - si alimenterà la disgregazione dell`Europa”. 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©