Politica / Regione

Commenta Stampa

La Regione Campania al WTM di Londra


La Regione Campania al WTM di Londra
21/11/2011, 09:11

Successo per la Campania del turismo al World Travel Market di Londra, uno degli appuntamenti fieristici più importanti al mondo per il mercato turistico globale che si è chiuso nei giorni scorsi.
 
La partecipazione dell’Assessorato al Turismo della Regione Campania, infatti, ha inteso promuovere presso il WTM di Londra l’offerta turistica complessiva della Campania, puntando sulle sue filiere e sulle sue eccellenze.
La Regione Campania, infatti, è stata presente presso lo spazio Enit insieme ad altre dodici Regioni italiane nell’ambito di una partecipazione organizzata per conto dell’Assessorato al Turismo dall’Ept di Caserta.
 
Presso lo stand della Regione Campania erano presenti 4 Consorzi turistici territoriali e numerosi singoli imprenditori turistici. Si è registrato un notevole afflusso sia di visitatori che di operatori che ha consentito di stringere contatti di tipo commerciale tra buyers del mercato anglosassone ed imprenditori campani, con un incremento pari al 7% delle prenotazioni acquisite per la prossima stagione turistica rispetto a quella precedente.
 
Quello inglese resta un mercato di grande interesse per l’Italia in generale e per la Campania nello specifico. E’ quanto emerge anche dai dati diffusi dall’Enit.
 
I flussi di turisti britannici verso l’Italia, per il primo semestre 2011, sono risultati essere pari a 1.078.000 arrivi, facendo registrare un incremento del 3% rispetto allo stesso periodo del 2010, questo secondo le rilevazioni dell’Ufficio Nazionale di Statistica britannico.
Nell'ambito delle Regioni italiane la Campania, come destinazione turistica, risulta al quinto posto dopo Lombardia, Lazio, Veneto, e Toscana.
 
Da sempre, rispetto al mercato inglese, al primo posto delle destinazioni campane si confermano la costiera sorrentina, quella amalfitana, seguita dalle isole di Ischia e Capri, nonché dai principali siti archeologici, museali e monumentali della Campania. Nell’ambito del mercato turistico inglese le risorse naturali, termali, culturali, artistiche, archeologiche - principalmente Pompei, Ercolano, area flegrea - ed enogastronomiche della Campania sono tradizionalmente apprezzate e richieste sia dai singoli turisti inglesi che dai tour operator che movimentano i grandi gruppi turistici verso l‘Italia e, in particolare, verso la Campania.
 
Nel corso della tradizionale conferenza stampa promossa dall’Assessorato al Turismo della Regione Campania son stati illustrati i principali cardini dell’offerta turistica regionale ed in particolare le risorse naturali, culturali ed enogastronomiche presenti sul territorio campano, senza dimenticare quelle aree della regione che pure presentano elementi di grande interesse sotto il profilo turistico e che potrebbero intercettare il gradimento del mercato turistico anglosassone. E’ stato, inoltre, ricordato che in Campania vi sono, in particolare, dodici siti UNESCO, due parchi naturali di carattere nazionale e sette parchi naturali regionali.
 
E’ stato, infine, illustrato il programma dei principali eventi organizzati nei prossimi mesi in Campania, che sono stati promossi per integrare l’offerta turistica, nella prospettiva dei due grandi eventi internazionali dell’America’s Cup e del Forum delle culture, che si svolgeranno a Napoli. e per i quali si prevede una consistente domanda proveniente anche dal mercato inglese.
 
A Londra, infine, è stato confermato il notevole interesse degli inglesi per la dieta mediterranea e per i prodotti enogastronomici della Campania, che sono stati oggetto della serata di degustazione organizzata dal Consorzio Sorrento Coast, con il patrocinio della Regione Campania.
La degustazione ha fatto registrare ampio e positivo apprezzamento da parte dei numerosi giornalisti ed operatori turistici inglesi intervenuti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©