Politica / Regione

Commenta Stampa

da oggi partirà la stima dei beni dell'Ente

La Regione Campania ha un patrimonio di 1 miliardo d'euro


La Regione Campania ha un patrimonio di 1 miliardo d'euro
07/12/2009, 22:12

NAPOLI - Da oggi verrà ufficialmente censito il patrimonio della Regione Campania. Almeno fino alla fine del 2008. L'ente di Santa Lucia vanta la proprietà di fabbricati, uffici, locali commerciali ma anche tanti quadri. Un patrimonio immenso che in grande parte resta da scoprire con un accurata ricerca. Il valore complessivo supera abbondantemente il miliardo di euro, ma facciamo qualche esempio signficativo. Ci sono immobili la cui sorte è già segnata per legge: quelli in via Nuova Agnano a Napoli andranno gratis all’Ente Autonomo Volturno, idem per molti beni ex Ersac che saranno trasferiti a titolo gratuito ai Comuni; c'è la famosa eredità Quintieri da destinare all'Istituto per non vedenti Colosimo (quadri valutati 60mila euro, pistole, scrivanie, armadi, tappeti, cavalli, tutti contenuti nel castello di Passerano nel Lazio) ma su cui è in corso un contenzioso con il Ministero del Tesoro, che ha incassato unilateralmente cospicui valori dell’ex Colosimo e richiede la titolarità di tutti i restanti beni mobili ed immobili; figurano come acquisite al patrimonio regionale tra l’anno 2002 e 2003, su stima dell’esperto Achille Bonito Oliva, le opere degli artisti d'arte contemporanea Jannis Kounellis, Sol Le Witt e di Rebecca Horn, per un valore di mercato pari a 2 milioni e100mila euro; nell'elenco dei beni disponibili ci sono tante abitazioni - il cui valore va dai 500mila euro a ben oltre il milione di euro - in via Aniello Falcone, via Girolamo Santacroce, via Depretis, via Del Chiostro.
Inoltre c'è un contenzioso in atto con i circoli sportivi siti in via Partenope che sarebbero occupati – secondo la Regione – senza alcun titolo.
Un patrimonio che deve essere assolutamente stimato e messo in evidenza anche in seguito agli immensi debiti che la Regione ha contratto per finanziare il settore sanitario.

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©