Politica / Regione

Commenta Stampa

La Regione sempre più protagonista nella riqualificazione di Napoli


La Regione sempre più protagonista nella riqualificazione di Napoli
01/07/2009, 22:07

La Giunta regionale della Campania, su proposta del presidente Antonio Bassolino e dell’assessore ai Trasporti, Ennio Cascetta, ha deliberato la sottoscrizione di un aumento di 270.224 euro della propria quota di capitale sociale di Nausicaa, la società che si occupa della riqualificazione urbanistica, funzionale e architettonica del waterfront del porto di Napoli.

La quota sottoscritta dalla Regione esercitando il proprio diritto di opzione è pari al 16% dell’aumento di capitale sociale di 1.688.900 euro, deliberato dall’Assemblea straordinaria dei soci di Nausicaa S.c.p.a. il 23 settembre 2008.

Il capitale sociale di Nausicaa è così suddiviso: 68% Autorità portuale di Napoli, 16% Regione Campania, 16% Comune di Napoli.

“La decisione di aumentare il nostro capitale in Nausicaa – dichiara l’assessore regionale ai Trasporti, Ennio Cascetta – testimonia l’interesse della Regione per un’iniziativa in linea con gli obiettivi regionali sullo sviluppo dell’intermodalità, della logistica, delle reti di trasporto e delle opere di infrastrutturazione collegate, tenuto conto che obiettivo primario della società sono la riqualificazione urbanistica, funzionale e architettonica del waterfront dell’area storico-monumentale del porto di Napoli; una struttura di rilevanza strategica per la sua connessione con il nodo intermodale di Piazza Municipio – dove sono in corso di realizzazione le due stazioni delle linee 1 e 6 della metropolitana – oltre che punto di snodo per il traffico crocieristico, cabotiero, delle “autostrade del mare” e dei collegamenti con le località del Golfo”.

“Il provvedimento deliberato dalla Regione – aggiunge il presidente dell’Autorità portuale di Napoli, Luciano Dassatti - è sicuramente d’importante utilità per le riflessioni relative a Nausicaa che il comitato portuale dovrà svolgere nella sua prossima seduta”.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©