Politica / Regione

Commenta Stampa

Nessuno ha avuto il coraggio di votare contro

La Sicilia riduce da 90 a 70 il numero dei consiglieri regionali


La Sicilia riduce da 90 a 70 il numero dei consiglieri regionali
07/12/2011, 15:12

PALERMO - Alla fine di lunghe discussioni, la mossa vincente è stata quella del presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana (il Consiglio Regionale dell'isola), Francesco Cascio, di tagliare corto con gli emendamenti e di rifiutare la richiesta di voto segreto. A quel punto quasi nessuno ha avuto il coraggio di votare no, in questo clima anticasta. E così, con 59 voti favorevoli e solo 2 contrari è passata una legge che riduce il numero dei consiglieri regionali da 90 a 70. Un buon segnale per un organismo accusato di essere sprecone, spendaccione e pieno di privilegiati. La legge era stata proposta dai partiti che sostengono il presidente Raffaele Lombardo, contrari fino all'ultimo sono stati il Pdl, il Pid dell'ex Ministro Saverio Romano e Grande Sud, guidato da Raffaele Miccichè.
Ma il percorso non è certo finito. Adesso tocca al Parlamento nazionale, che dovrà adottarlo in doppia lettura, come se si trattasse di una modifica costituzionale, in entrambe le Camere. Quindi dovranno agire in fretta per permettere che questo risparmio diventi effettivo a partire dalla prossima assemblea, le cui elezioni si terranno nel 2013.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati