Politica / Regione

Commenta Stampa

La legge approvata nonostante l'opposizione del Pdl

La Toscana dice sì all'assistenza sanitaria ai clandestini


La Toscana dice sì all'assistenza sanitaria ai clandestini
01/06/2009, 20:06

Approvata in Toscana (con voto contrario del centrodestra) la nuova legge sull’immigrazione che permette, tra le altre cose, l’assistenza sanitaria ai clandestini. La legge, che non aveva mancato di scaturire furiose polemiche, ha incontrato in fase di approvazione l’ostruzionismo del Pdl, che al momento del voto ha abbandonato l’aula facendosi rappresentare soltanto da 4 consiglieri per evitare che la legge venisse approvata all’unanimità.
Secondo la legge tutte le persone che dimorano nel territorio regionale hanno diritto agli interventi socio-assistenziali urgenti e indifferibili, a prescindere dal loro status di cittadini in regola o clandestini. I cittadini stranieri residenti inoltre acquistano con questo provvedimento il diritto al voto, l’accesso alle graduatorie per l’edilizia popolare e al servizio civile per i giovani immigrati.
Con questa legge la Toscana si è mossa in controtendenza rispetto al Governo, il cui disegno di legge sulla sicurezza, approvato nelle settimane scorse alla Camera, è ora al vaglio del Senato ed introduce il reato di immigrazione clandestina. In Toscana il Pdl aveva cercato di far slittare il voto a dopo le elezioni presentando oltre 100 emendamenti, ma la mossa è stata resa vana da un “maxi-emendamento” della maggioranza.
 

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©