Politica / Regione

Commenta Stampa

La Russa:"si al patto sulla Regione dubbi su Zinzi"

L'accordo tra Pdl ed Udc su Caserta vacilla


L'accordo tra Pdl ed Udc su Caserta vacilla
17/02/2010, 20:02

CASERTA – Ieri Silvio Berlusconi ha telefonato al segretario dell’Udc Lorenzo Cesa «pronto Lorenzo  sono Silvio vada per l’accordo in Campania e a Caserta».  Poi però oggi La Russa richiama Cesa« Lorenzo l’accordo su Caserta “digiamo” che ancora non si fa». Ecco: immaginiamo ironicamente e senza malizia che le cose siano andate così tra il Pdl e l’Udc sulla spinosa questione campana.
Infatti ieri il Cavaliere ha sentito telefonicamente il segretario dei centristi Cesa  e l’accordo sembrava fatto e invece,  tra Udc e Pdl, sembra tornare tutto  in alto mare. Come la candidatura di Domenico Zinzi alla provincia di Terra di lavoro.
Da Roma i segnali che arrivano  sono contraddittori. Secondo alcuni le dichiarazioni di queste ore  sono il frutto dei contrasti tra un’area del Pdl che vorrebbe come candidato alla presidenza della Provincia di Caserta il senatore Pasquale Giuliano e i centristi che optano per Zinzi.
Un contrasto che si cerca in tutti i modi di fermare perché metterebbe a repentaglio la marcia di Stefano Caldoro verso palazzo Santa Lucia. Insomma: per il Pdl e l’Udc sarebbe come buttarsi la zappa sui piedi e perdere la storica occasione di riportarsi alla guida della seconda Regione d’Italia dopo 15 lunghi anni.
A far aumentare i dubbi sull’accordo è stato per primo il Ministro della difesa e coordinatore nazionale del Pdl Ignazio La Russa: «Siamo d'accordo sulla Campania, ma su Caserta non è ancora definito l'accordo con l'Udc».
Una dichiarazione che soddisfa il centrodestra casertano vicino alle posizioni del coordinatore regionale del partito di Berlusconi Nicola Casentino. Cosentino, come noto,  ha infatti da sempre contrastato l’ascesa di Zinzi alla presidenza della Provincia. In realtà nel Pdl si sta facendo spazio l’idea di fare un ultimo assalto all’Udc per stringere un accordo più ampio non solo relativo alla Campania ma a tutto il territorio nazionale
La replica da parte dell’Unione di centro è affidata a Rocco Bottiglione Non mi risulta che si siano riaperti i giochi in Campania. Ieri Berlusconi ha sentito Cesa assicurando che va tutto bene» infatti il presidente del partito di Casini ha escluso categoricamente che ci siano tavoli di trattativa per accordi su scala nazionale.

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©