Politica / Politica

Commenta Stampa

Lampedusa, Borsellino: "emergenza indotta ad un governo irresponsabile"


Lampedusa, Borsellino: 'emergenza indotta ad un governo irresponsabile'
21/09/2011, 17:09

“La situazione di Lampedusa va affrontata immediatamente, accertando le responsabilità individuali e facendo chiarezza sulle reali cause che hanno portato agli scontri. Chi ha sbagliato paghi, ma non è accettabile che si criminalizzi indiscriminatamente tanto i migranti, quanto i lampedusani. Così come non sono accettabili i toni irresponsabili di chi, come il sindaco De Rubeis e alcuni politici vicini al governo, esaspera gli animi per alimentare l’emergenza. Invocando una sorta di giustizia sommaria e coprendo così le proprie colpe”.
Lo ha detto Rita Borsellino, deputato del Parlamento europeo. “Lo scorso marzo - continua - il presidente Berlusconi aveva fatto il suo show, promettendo la ‘liberazione’ di Lampedusa. Tre giorni fa, il ministro La Russa è sbarcato nell’isola per annunciare l’intensificazione dei rimpatri, dopo che per mesi centinaia di uomini, donne e bambini sono stati costretti a vivere in condizioni di estremo disagio. Ieri, sono scoppiati gli scontri e il sindaco De Rubeis, che allo show del premier aveva fatto da claque, adesso invoca un’espulsione di massa. Il quadro delle responsabilità politiche è chiarissimo. Così come chiarissimo è il tentativo del governo e dell’amministrazione di Lampedusa di coprire queste stesse responsabilità appellandosi a un’emergenza di ordine pubblico che poteva essere facilmente evitata nel rispetto delle leggi nazionali e internazionali e senza mettere in pericolo la vita di migranti, lampedusani e forze dell’ordine”.
“Contro tutto ciò - conclude - è necessario un rapido intervento della commissaria europea Malstrom per accertare, come noi crediamo, la violazione da parte dell’Italia della normativa comunitaria in materia di immigrazione e del rispetto dei diritti umani”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©