Politica / Regione

Commenta Stampa

L’appello di Sarnataro: "Si approvi subito la legge sul turismo"


L’appello di Sarnataro: 'Si approvi subito la legge sul turismo'
28/10/2009, 14:10


NAPOLI - Il Presidente della III Commissione consiliare Giuseppe Sarnataro rinnova l’appello a tutte le forze politiche del Consiglio regionale della Campania affinché l’Aula discuta rapidamente il provvedimento sul Turismo. “La III Commissione - precisa Sarnataro - alla fine di un iter legislativo complesso, ha visto, nel rispetto dei propri ruoli istituzionali, la partecipazione attiva delle forze sociali e amministrative interessate al provvedimento. Ha licenziato un provvedimento quadro di riordino per il settore di fondamentale importanza soprattutto per rispondere alla crisi delle imprese e per lo sviluppo delle risorse della Campania”.
Il Presidente ribadisce “la correttezza istituzionale in cui si è svolta la discussione nella Commissione e nel gruppo di lavoro, che ha visto la condivisione strategica, da parte delle forze politiche di maggioranza e opposizione,dell’intero provvedimento, e non crede che il clima pre-elettorale possa pregiudicare la conclusione positiva della legge sul Turismo”.
“Si apre oggi un nuovo capitolo – continua Sarnataro - in cui tutti sono chiamati alla responsabilità verso gli operatori e le forze sociali interessate all’approvazione di un nuovo quadro normativo; pertanto pretestuose richieste di rallentamento dell’iter legislativo appaiono singolari se avanzate da Consiglieri regionali che hanno fornito un proprio contributo decisivo all’elaborazione della legge quadro e che oggi, forse distratti da impegni elettoralistici, non hanno partecipato alla conclusione di un lavoro unitariamente condiviso”.
“La trasmissione all’Aula del provvedimento – conclude il Presidente della III Commissione - è la normale conclusione di anni di lavoro in cui si sono predisposte misure innovative per il settore largamente condivise da tutte le componenti del Consiglio. La discussione in Aula è aperta al contributo di tutte le istanze del settore e del mondo imprenditoriale e amministrativo della Regione, il testo licenziato è in punto qualificante di partenza dell’ultima fase legislativa a cui il dibattito in Aula fornirà il quadro delle forze politiche interessate ad una reale spinta di innovazione e sviluppo della Campania fuori da logiche di schieramento”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©