Politica / Regione

Commenta Stampa

Larga Banda, ecco i risultati della consultazione pubblica


Larga Banda, ecco i risultati della consultazione pubblica
22/03/2011, 14:03

Sono stati pubblicati gli esiti della consultazione pubblica realizzata dall’Assessorato alla Ricerca Scientifica sulla Larga Banda nei comuni.

Dai dati emerge che sono 303 su 551 i comuni a digital divide. Sono così catalogati quelli che non hanno ancora oggi alcun servizio di accesso ad Internet a banda larga, e quelli presso i quali risulta attivo il servizio di accesso ad Internet a banda larga, ma vi sono utenze e/o aree territoriali comunali (frazioni, quartieri) per le quali non è stato possibile procedere all’attivazione di tali servizi.

In dettaglio, il 9% di essi si trova nella Provincia di Napoli, il 15% in quella di Caserta, il 19% in quella di Benevento il 23% in quella di Avellino e il 43% in quella di Salerno.

La consultazione è stata effettuata tramite form web e con il coinvolgimento degli operatori di telefonia fissa/mobile nazionali e diversi operatori di connettività internet locali e satellitare.

Gli esiti della consultazione sono parte dello studio di fattibilità del progetto “ Allarga la Rete”, finanziato con un importo di euro 50.000.000,00.
L’intervento in larga banda fa parte delle azioni di potenziamento delle infrastrutture che la Regione Campania sta realizzando per superare il digital divide, al fine di assicurare a cittadini, imprese e Pubbliche Amministrazioni l’accessibilità ai servizi che vengono erogati mediante le nuove tecnologie dell’informazione.

La Campania, secondo il primo “Rapporto sull’Innovazione delle Regioni italiane”, è tra le prime Regioni per le linee di copertura con una percentuale del 72%.

“Una politica che ha a cuore il proprio territorio – ha detto l’ assessore alla Ricerca Scientifica della Regione Campania Guido Trombetti - deve programmare interventi in grado di sviluppare infrastrutture capaci di promuovere il progresso. Lo ha fatto con le strade, le ferrovie e portando la corrente elettrica in ogni angolo, anche quello più isolato. Oggi deve attivarsi per diffondere le connessioni veloci al mondo di Internet. “La Regione Campania ha avviato, nell’ultimo periodo, un grande progetto di innovazione dei servizi, partendo dalla esigenza di affermare la cittadinanza digitale. E l’infrastruttura abilitante è prioritariamente quella che rende disponibile in modo diffuso sul territorio l’accesso alla rete. “Se non ci saranno intoppi negli iter amministrativi di un procedimento così articolato e complesso, e soprattutto se tutti continueranno a sostenere l’iniziativa ritenendola una priorità per il nostro territorio, nei prossimi tre anni raggiungeremo il traguardo della copertura del territorio al 100%”, ha concluso Trombetti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©