Politica / Regione

Commenta Stampa

L’Asl di Caserta ha avviato le procedure necessarie all’istituzione del Registro Tumori


L’Asl di Caserta ha avviato le procedure necessarie all’istituzione del Registro Tumori
23/02/2011, 09:02

“L’Asl di Caserta ha avviato le procedure necessarie all’istituzione del Registro Tumori e della rete di monitoraggio epidemiologico e potrà dunque dotarsi a breve di uno strumento indispensabile a valutare l’impatto delle patologie oncologiche sul territorio ma anche e soprattutto ad orientare le istituzioni regionali, locali e sanitarie nello svolgimento delle attività assistenziali e di prevenzione”.

A renderlo noto è stato oggi il presidente Consiglio Regionale della Campania, Paolo Romano, che ha tenuto, insieme con il dirigente del Settore Assistenza ospedaliera e Sovrintendenza sui servizi regionali di emergenza, Renato Pizzuti, un incontro con i sindaci dell’Agro Aversano presso la Sala di Rappresentanza del Consiglio Regionale, “Caduti di Nassyria” .

“Ho raccolto molto volentieri l’invito della Conferenza dei sindaci dell’Agro Aversano, un territorio negli anni particolarmente esposto all’inquinamento ambientale, ad organizzare l’incontro perché si potesse avere piena cognizione dello stato dell’arte dell’attività di registrazione oncologica che è a dir poco centrale in termini politica sanitaria”.

“Condivido le legittime preoccupazioni dei sindaci: nell’Agro Aversano, così come in altri territori della Campania - ha aggiunto il presidente Romano - sono indispensabili e urgenti le bonifiche ambientali e le campagne di informazione e prevenzione raccordate ai differenti fattori di rischio. Ma valuto intanto molto positivamente il lavoro svolto dal Tavolo tecnico avviato da qualche mese presso l’assessorato alla Sanità per realizzare la messa a sistema della rete dei Registri Tumori di Popolazione delle singole Asl locali”.

“Ci sono insomma – ha concluso Romano - tutte le condizioni per dotare la Campania di un adeguato Registro Regionale che, una volta validato scientificamente dall’Airtum (l’Associazione nazionale dei registri dei tumori, ndr) consentirà alla nostra regione, tra le prime in Italia, di poter contare su adeguate e sempre più appropriate politiche ambientali e sanitarie”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©