Politica / Regione

Commenta Stampa

L'assessore Vetrella su Fincantieri


L'assessore Vetrella su Fincantieri
03/06/2011, 16:06

L'assessore ai Trasporti e alle Attività produttive della Regione Campania, Sergio Vetrella, presente oggi a Roma all’incontro tenutosi nella sede del Ministero dello Sviluppo economico sulla vicenda Fincantieri, esprime la propria soddisfazione per il ritiro del piano industriale annunciato dall’azienda che prevedeva anche la chiusura dello stabilimento di Castellammare di Stabia.

“Quella di oggi è una giornata importante non solo per i lavoratori di Fincantieri, ma per tutto il settore industriale della Campania – sottolinea l'assessore Vetrella – con il ritiro del piano che prevedeva la chiusura di Castellammare, Fincantieri riconosce che – come noi abbiamo sempre sostenuto - non solo dal punto di vista economico, ma anche da quello storico e sociale bisogna concentrare tutti gli sforzi per redigere un piano in grado di rilanciare una realtà tradizionalmente legata alla Campania, da sempre fiore all’occhiello della nostra cantieristica, che è un comparto strategico per il nostro territorio. Assieme alle altre Regioni coinvolte stiamo seguendo e continueremo a seguire l'evolversi della vicenda, che in nessun caso può e deve penalizzare i lavoratori e le loro famiglie, soprattutto in un momento di crisi economica generale come quello che stiamo attraversando. I tavoli che sono stati previsti, in particolare quello regionale nel quale ci impegneremo con forza, dovranno portare a un piano industriale serio e in grado di riavviare realmente e strutturalmente lo sviluppo dell'azienda in Campania, così da consentire alla Regione di investire le non molte risorse disponibili in iniziative realmente in grado di generare ricadute significative e durature per l'economia e l'occupazione. Per questo ringrazio il ministro Romani, i vertici dell’azienda, il Comune di Castellammare e le organizzazioni sindacali, che stanno dimostrando di volersi occupare della difficile vertenza con serietà e impegno”.

Commenta Stampa
di Paola Picilli
Riproduzione riservata ©