Politica / Regione

Commenta Stampa

Sannino: "Scoraggiare lavoro nero, grigio e caporalato"

Lavori pubblici, Fillea-Cgil su Regolamento regionale


Lavori pubblici, Fillea-Cgil su Regolamento regionale
28/12/2009, 14:12

NAPOLI - "La Giunta regionale della Campania ha approvato il regolamento sui lavori pubblici in ragione della legge regionale n.3 del 2007, completando in tal modo l'iter legislativo in materia di appalti pubblici di lavoro, servizi e forniture. Non c'e' un testo disponibile per un esame dei punti e quindi un giudizio complessivo è da rinviare". E' quanto si legge in una nota diffusa dal segretario generale della Fillea-Cgil Campania, Giovanni Sannino. "Va detto - sottolinea Sannino - che gli obiettivi posti, sui quali il regolamento interviene, sono condivisibili e più volte sottolineati dalla Fillea come terreno di contrasto al processo deregolativo in atto nel settore delle costruzioni. E avere un dispositivo di legge è cosa importante". "La legalità e la trasparenza, la sicurezza e la regolarità del lavoro sono da sempre - secondo Sannino - i capisaldi delle proposte che il sindacato pone ai tavoli istituzionali e di concertazione. E anche nel caso in questione, la Fillea ha avanzato due proposte concrete: la prima riguarda la tracciabilità dei pagamenti tra i vari soggetti del processo realizzativo dell'opera e l'altra riguarda l'adozione del DURC (documento unico di regolarità contributiva), legata alla congruità e cioè l'effettiva incidenza della manodopera prevista dal valore dell'appalto per scoraggiare l'uso del lavoro nero, grigio e forme di caporalato."
"L'assenza di questi due parametri - conclude Sannino - pregiudicherebbe un giudizio positivoanche se vanno tenute in debita considerazione e da comprendere l'introduzione della patente a punti per le imprese e la stazione appaltante centralizzata. Confidiamo sulla possibilità di correggere il testo nei sessanta giorni di giacenza della legge presso il Consiglio regionale."

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©