Politica / Politica

Commenta Stampa

Intanto è boom di cassa integrazione: + 49 per cento

Lavoro: chiacchierata informale governo-parti sociali

Monti ribadisce: la prossima settimana chiudiamo

Lavoro: chiacchierata informale governo-parti sociali
17/03/2012, 11:03

MILANO - L’hanno definita una “chiacchierata informale”. Il nuovo incontro sulla riforma del mercato del Lavoro tra governo e parti sociali si consumerà oggi, al termine del convegno “Cambia Italia” del Centro studi Confindustria, in corso alla Fiera di Milano. Nessun appuntamento formale, dunque, come quelli che si sono susseguiti negli ultimi mesi a palazzo Chigi, ma una sorta di “aperitivo” a fine convegno, intorno all’ora di pranzo, per fare il punto sulla riforma.
Il Presidente del Consiglio Mario Monti, il ministro del Lavoro Elsa Fornero, il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia e Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti, segretari generali di Cgil-Cisl e Uil, dovrebbero incontrarsi, a quanto si apprende, nel retropalco della Fiera di Milano, per parlare ancora una volta della riforma del Lavoro allo studio del governo: sulla stessa tutti hanno assicurato nelle ultime ore di essere in dirittura di arrivo, e che per la prossima settimana dovrebbe esserci l’accordo. Intanto, mentre erano in attesa dell’arrivo del presidente della Commissione Europea, Josè Manuel Barroso, Il premier Monti e la leader degli industriali Emma Marcegaglia hanno già avuto l’occasione per una prima chiacchierata informale a tre, durata all’incirca 10 minuti, con il ministro Fornero.

MONTI: LA PROSSIMA SETTIMANA CHIUDIAMO
“La prossima settimana vedrà due momenti importanti: la conclusione del negoziato sulla riforma del mercato del Lavoro e degli ammortizzatori sociali e la conversione in legge del decreto sulle liberalizzazioni”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Monti, in conferenza stampa a Milano al convegno di Confindustria. “Entrambi - ha aggiunto - sono importanti per la competitività dell’Italia della crescita e della occupazione. In entrambi i casi è stato importante tenere presenti criteri e suggerimenti della commissione europea”.

INTANTO E’ BOOM DI CASSA INTEGRAZIONE
 Esplode la richiesta di ore di cassa integrazione a febbraio, segnale di “un’economia avvitata in una pericolosa fase recessiva”. Le 81.988.268 ore registrate a febbraio segnano un incremento consistente sul mese precedente pari ad un +49,12 per cento, così come il dato sui primi due mesi dell’anno (136.969.464) segna un +5,16 per cento sullo stesso periodo del 2011. Lo rileva la Cgil, per la quale i numeri vogliono dire “400 mila lavoratori coinvolti nei processi di cassa che hanno subito un taglio del reddito per oltre 525 milioni di euro, pari a circa 1.300 euro per ogni singolo lavoratore”. I dati emergono dalle elaborazioni delle rilevazioni Inps da parte dell’Osservatorio Cig del dipartimento Settori produttivi della Cgil Nazionale nel rapporto di febbraio.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©