Politica / Politica

Commenta Stampa

All’incontro dovrebbe partecipare anche Monti

Lavoro: domani il terzo tavolo governo-parti sociali

Resta aperta la spinosa questione dell’articolo 18

Lavoro: domani il terzo tavolo governo-parti sociali
14/02/2012, 14:02

ROMA – Il governo incontrerà le parti sociali domani, a palazzo Chigi. Sul tavolo, al quale dovrebbe prendere parte anche il premier Mario Monti, la discussa riforma del mercato del lavoro: si andrà dai contratti agli ammortizzatori sociali, senza escludere, quasi sicuramente, la delicata questione dell’articolo 18. Quello di domani è il terzo “tavolo ufficiale” che vede riuniti l’esecutivo e le parti sociali: la strada resta quella di riuscire a definire un accordo, soprattutto alla luce delle parole del presidente Napolitano, che ha posto “il problema della necessità di un accordo valido tra le parti sociali, in particolare i sindacati, e il governo”.
Un obiettivo da perseguire, viene sottolineato, per evitare che il governo vada avanti da solo. La Cgil assicura che intende portare avanti il negoziato, “quanto più avanti possibile”. Sull’articolo 18 la confederazione guidata da Camusso ribadisce che le sue posizioni sono note e, dunque, resta la ferma opposizione ad interventi di modifica, tranne che sui tempi delle sentenze. Sul fronte confederale, Bonanni ribadisce la volontà di andare avanti con una proposta comune, auspica che “i rapporti tra i sindacati continuino ad essere buoni”, ma avverte: “O abbiamo le stesse opinioni su ogni questione o altrimenti è chiaro che si va in ordine sparso”. Intanto i metalmeccanici della Cgil mettono in campo l’intenzione di andare allo sciopero generale, anche contro qualsiasi ipotesi di modifica all’articolo 18: uno sciopero della categoria da tenersi all’inizio di marzo (il 2 o il 9 le date possibili).

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©