Politica / Napoli

Commenta Stampa

L’accusa: stipendi alti e troppi collaboratori

Lazio, bufera sullo staff di Abbruzzese


Lazio, bufera sullo staff di Abbruzzese
07/09/2012, 12:02

LAZIO – E’ bufera nel Lazio per i costi ed i numeri della presidenza del consiglio regionale, retta da Mario Abbruzzese.

Da pagare ogni mese ci sono 18 segretari, con un costo annuale di 900mila euro, 9 consulenti più (per i due vicepresidenti) 24 segretarie e 4 collaboratori.

Per non parlare, poi, dei costi del presidente dell’assemblea: la cifra è di 20.958 euro lordi mensili, 251mila euro l'anno. Una cifra che quasi può essere paragonata al costo di  Barack Obama che ne prende  275mila.

E stando a questi dati, nel 2010  il consiglio regionale del Lazio è costato nel 2010 138.593.703 di euro, che nel 2011 sono diventati 141.395.795: il che equivale a 24 euro a cittadino, contro i 10 dell'Emilia-Romagna e i 14,5 della Toscana.

Il governatore della Regione, però, respinge al mittente tutte le accuse e spiega il motivo per cui sono necessarie più persone: “Mi servono tutti i miei collaboratori -  è necessario avere un struttura per fronteggiare le richieste che arrivano dai sindaci e dal territorio regionale”.

Sul taglio dei costi Abbruzzese, poi, sottolinea che in consiglio la discussione è già in atto da tempo e che in merito si è già proceduto. “Abbiamo tagliato le auto blu del 30%, risparmiando 250mila euro. Poi non si fa più la rassegna stampa cartacea che costava 100mila euro, abbiamo tagliato 150mila euro di costi per i telegrammi, oltre alle missioni all'estero e i monogruppi”.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©