Politica / Regione

Commenta Stampa

Anche Forza Nuova esclusa per un problema burocratico

Lazio, esclusi i radicali dalle elezioni regionali: troppe donne


Lazio, esclusi i radicali dalle elezioni regionali: troppe donne
29/01/2013, 09:39

ROMA - Problemi di presentazione delle liste elettorali, per le elezioni regionali del Lazio. La prima lista è quella di Amnistia, Giustizia e Libertà, la nuova denominazione dei radicali. In questo caso però la motivazione è veramente anomala: troppe donne in lista, non rispettata l'alternanza tra un uomo e una donna. Infatti ci sono cinque donne e quattro uomini. Quando se ne sono accorti, hanno chiesto ad una delle donne di rinunciare, ma secondo l'ufficio elettorale regionale centrale la rinuncia è avvenuto troppo tardi. Ma i radicali hanno annunciato ricorso, sostenendo che si tratta solo di un cavillo elettorale e che non c'è alcun problema serio. 
Esclusa anche la lista di Forza Nuova: chi ha presentato la lista aveva una delega non redatta secondo la legge e quindi non era pienamente titolato alla presentazione. Ritirate le liste Intesa popolare e Moti Democratici Lista tecnica per l’Italia.
In totale quindi restano 10 liste: Pd, Pdl, Movimento 5 Stelle, le liste montiane (candidato Giulia Bongiorno), Rivoluzione CIvile, Partito Comunista dei lavoratori, "Fare per fermare il declino", Fiamma Tricolore, Casapound e Rete dei cittadini. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©