Politica / Politica

Commenta Stampa

Lazio, Storace annuncia la sua candidatura

Molti punti nel suo programma, dalla famiglia agli immigrati

Lazio, Storace annuncia la sua candidatura
09/12/2012, 18:06

ROMA – “Oggi è il giorno in cui mettiamo in campo la disponibilità per la candidatura alla presidenza della Regione Lazio”. È quanto ha annunciato oggi il leader de “La Destra” Francesco Storace durante la convention del suo partito.

I punti del programma discussi stamane sono svariati. Tra questi l’abolizione delle auto blu, patto fiscale con i creditori dell’amministrazione e sostegno all’agricoltura. Affrontando il tema dei costi della politica, Storace ritiene che “50 consiglieri bastano e avanzano. Non accetterò in lista candidati che dovessero fare ricorso e mi auguro che così faccia anche la sinistra. Se avremo ampio consenso poi chiunque, dal Presidente della Regione in giù, volesse dotarsi di un’auto di servizio con autista dovrà pagarseli col suo lauto stipendio. Le automobili saranno utilizzate, finchè l’ultimo autista non avrà cessato il suo rapporto di lavoro, per accompagnare i cittadini più disagiati a parlare col Presidente della Regione quando chiederanno di farlo.”

Priorità assoluta per la famiglia fondata sul matrimonio tra uomo e donna, ma aggiunge “Poi aiutare chi sta peggio a prescindere dallo stato civile”.

Sugli immigrati, invece, Storace è chiaro: “Lavoreremo a una riforma che certo garantirà assistenza agli stranieri, ma un minuto dopo aver garantito agli Italiani”.

Conclude, infine il suo discorso riferendosi al suo passato politico alla Regione: “Siamo orgogliosi di aver servito milioni di uomini e donne di questa Regione per cinque anni.  Non coltivammo vizi privati, non ci arricchimmo, fummo tolti di mezzo solo da una manovra politico-giudiziaria. Torniamo per ridare lavoro, autorevolezza, futuro a una popolazione che deve tornare a identificarsi con la voglia di lottare di chi la governa. Il meglio deve tornare, lo riporteremo noi”.

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©