Politica / Napoli

Commenta Stampa

Lebro (UDC): "Mai più bambini vittime delle guerre dei “grandi”"


Lebro (UDC): 'Mai più bambini vittime delle guerre dei “grandi”'
03/09/2012, 16:29

“Oggi commemoriamo la strage di Beslan in cui hanno perso la vita 334 bambini e lo facciamo consapevoli che non può essere in alcun modo accettato il fatto che questi piccoli corpi possano ancora, nel XXI secolo, essere utilizzati come arma, come scudo o come minaccia nelle indecorose guerre volute dai grandi, adulti che troppo facilmente dimenticano di essere padri o madri e divengono assassini del loro stesso futuro” a sottolinearlo è il Capogruppo dell'Udc al Consiglio comunale di Napoli, David Lebro.

 

“Costituiscono la parte della popolazione mondiale più innocente in assoluto, comunemente chiamati ‘angeli di Dio’, sono i bambini, anime buone, vittime troppo spesso della cattiveria dei grandi. La strage, avvenuta nel 2004 -commenta ancora l’esponente del partito di Casini-, ritorna ad essere più che mai attuale, non solo nella sua pacifica commemorazione, ma anche nel ricordo dei due bambini decapitati in Afghanistan solo tre giorni fa perché che siano due, dieci, cento o trecento sempre di bambini si tratta”.

 

 

“Se risulta essere inconcepibile non difenderli dalle ingiustizie e dalle crudeltà dell’uomo, assolutamente assurdo è dimenticare quando ne divengono vittime e Napoli - conclude Lebro- con questo gemellaggio dimostra ancora una volta il suo grande cuore e la costante attenzione che ha ed ha sempre avuto per i più piccoli”.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©