Politica / Napoli

Commenta Stampa

Lebro (UDC): "Piazza Carlo III: subito un progetto di riqualificazione"


Lebro (UDC): 'Piazza Carlo III: subito un progetto di riqualificazione'
05/04/2012, 13:04

“E’ necessario un progetto di riqualificazione totale di piazza Carlo III per dare un nuovo volto ad una zona che, dopo la riqualificazione di via Foria e via Don Bosco e il rifacimento dell’intera facciata di Palazzo Fuga, da anni soffre di un profondo abbandono”. Afferma in una nota il Capogruppo dell’UDC al Consiglio comunale di Napoli, David Lebro, a margine della riunione convocata dall’Assessore D’Angelo e tenutasi stamane a Palazzo San Giacomo sul destino della piazza. Alla riunione hanno partecipato i rappresentanti dell’Assessorato all’Ambiente e alle Politiche sociali, quelli del servizio della pubblica illuminazione e di Asia, e diversi esponenti della IV Municipalità.

“Situata in una posizione strategica per la sua imminente vicinanza ad uno dei palazzi più belli d’Europa, ossia Palazzo Fuga -continua Lebro-, la piazza ha bisogno di un intervento integrale, che porti all’ammodernamento completo della stessa e che può facilmente essere progettato dall’efficiente e competente ufficio di Arredo urbano del Comune di Napoli. Fondamentale è stato il contributo del Comitato civico -sottolinea Lebro-, che ha già ben definito e presentato oggi una serie di iniziative. In particolare, il potenziamento dell’illuminazione, la messa a dimora di nuovi alberi e la risistemazione delle aiuole, la realizzazione di un parco giochi per i bambini, ma soprattutto, iniziative di sviluppo economico locale come l’istituzione di un mercatino dell’antiquariato che potrebbe prolungarsi su tutta via Foria, chioschi che potrebbero ospitare infopoint turistici e l’utilizzo della piazza come sede di importanti eventi culturali”.

“Grazie alla sua particolare struttura ad emiciclo -puntualizza il Consigliere Giovanni Parisi in rappresentanza dell’UDC alla IV municipalità- la piazza è strutturalmente conformata per ospitare eventi culturali e manifestazioni di pubblico interesse. Sarebbe opportuno completare il progetto già avviato e teso a restituire, finalmente, una delle piazze nevralgiche di Napoli ai cittadini”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©