Politica / Parlamento

Commenta Stampa

LEGA: BLOCCO DELLE MOSCHEE


LEGA: BLOCCO DELLE MOSCHEE
04/12/2008, 09:12

L'arresto dei sue presunti terroristi narocchino ha dato fuoco alle poveri per la Lega, che ovviamente non vedeva l'ora di sfogare il suo odio razziale e la propria voglia di fare discriminazioni. E così è stata presentata dalla Lega in Parlamento una mozione, che vede primo firmatario Roberto Cota, che chiede il blocco della costruzione delle moschee, finchè non venga approvata la legge, presentata dalla stessa Lega, che limita la costruzione delle moschee ad una serie di vincoli: costruzione seguendo norme rigorosissime; localizzazione al di fuori del centro cittadino e ad almeno un chilometro da altri luoghi di culto; potere delle Regioni, anche qualora questi requisiti venissero soddisfatti, di impedirne la costruzione, anche senza particolari motivi; referendum tra i cittadini per approvarne la costruzione.

La decisione ha scatenato la reazione dell'opposizione, che ha condannato la mozione della Lega e il suo atteggiamento, ricordando che si tratta di norme anticostituzionali e che dimostrano l'ossessione islamica del partito di Umberto Bossi. Unica eccezione, Paola Binetti, che la considera una buona soluzione. Ma da una estremista cattolica come lei, l'odio verso i non cristiani viene prima anche della Costituzione.

Reazioni dure anche da parte dei partiti fuori dal Parlamento, come Rifondazione Comunista che, attraverso il suo segretario, Paolo Ferrero, definisce la proposta leghista "folle, illegale e disgustosa". Mentre il PdCI definisce "intollerabile questo ennesimo tentativo della Lega di criminalizzare i cittadini islamici che vivono in Italia".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©