Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Una proposta per la regolarizzazione della prostituzione

Lega: creiamo eros center nelle città


Lega: creiamo eros center nelle città
26/02/2009, 18:02

Sembra incredibile, ma ogni tanto anche i leghisti riescono ad esprimere una idea positiva. Questa volta è toccato al disegno di legge Lussana (dal nome del deputato primo firmatario della legge) che prevede l'istituzione di abitazioni esclusivamente dedicato alla prostituzione, dei veri e propri eros center (per non riutilizzare il termine di "case chiuse" come una volta). Inoltre le prostitute dovrebbero sottoporsi a controlli medici ogni 6 mesi per ridurre il rischio di trasmissione di malattie sessuali e dovrebbero pagare le tasse. Insomma, ci sarebbe una vera e propria regolarizzazione della professione di prostituta. Utile corollario a questa legge - non prevista dalla proposta di legge Lussana - sarebbe la possibilità per le prostitute di riunirsi in cooperative, in modo da consentire loro di avere una sorta di autoprotezione.
L'unico limite per gli eros center sarebbe che non potrebbero essere messi nei comuni più piccoli di 10 mila (secondo un'altra proposta, 30 mila) abitanti. L'unico grosso difetto della legge è che per disincentivare la prostituzione in strada si vuole ricorrere al fatto di indicare la prostiutuzione come reato, che colpirebbe cliente e prostituta con l'arresto da 5 a 15 giorni (secondo un'altra proposta, una multa fino a 10 mila euro). Peccato che questo è quello che viene chiamato, in termini legali, un "reato a prova impossibile". Cioè, se io vengo preso mentre parlo con una prostituta, chi può dimostrare di che cosa sto parlando? E chi dice che la ragazza è una prostituta? Forse che a qualunque ragazza è proibito vestirsi con abiti molto scollati, che lasciano vedere gran parte del suo corpo?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©